Ricreo i miei design di Natale!

Bentornati sul mio blog!

Come avete letto dal titolo, oggi voglio mostrarvi come ho ricreato dei vecchi design natalizi, mettendo a confronto quelli vecchi con quelli nuovi, iniziamo!

Buon Natale

Questa era l’unghia originale.

Voglio premettere che se vedete le unghie originali un po’ opache o ingiallite è perche hanno almeno 5 anni e ai tempi avevo usato prodotti di fortuna.

Detto questo ecco come la ho realizzata.

Ho cercato di mantenerla uguale, ma con prodotti e pennelli migliori, il risultato è più gradevole da vedere.

Pupazzo di neve

Su uno sfondo glitterato argento che voleva ricordare la neve, avevo disegnato un signor pupazzo di neve, con l’immancabile naso a carota.

Ecco come l’ho ricreato.

Anche qui ho cercato di variarlo il meno possibile e ho aggiunto dei fiocchi di neve, per dare più completezza allo sfondo.

Lucine

Di solito nelle nail art natalizie si vede un po’ di tutto ma non so perchè al tempo avevo deciso di realizzare delle lucine.

Nella versione rivisitata ho reso più sottile e ordinato il cavo. Inoltre negli spazi che ritenevo troppo vuoti ho messo anche altre porzioni di cavo.

Abete

Che belli gli abeti addobbati.

Forse uno sbaglio che al tempo avevo fatto era di usare un verde brillantinato su sfondo glitterato.

Infatti nella rivisitazione ho usato un’altra tonalità di verde, aggiunto dettagli all’albero ma mantenuto il puntale e le palline fatti da strass.

Fiocco di neve

Simbolo dell’inverno è la neve, quindi ho scelto di realizzare un fiocchetto.

Siccome mi pareva un po’ abbandonato a se stesso, questa volta ho scelto di creare uno sfondo un po’ sfumato, che può ricordare il ghiaccio.

Pacco regalo

Che belli i regali di Natale, tutti incartati in carte bellissime con fiocchi enormi.

Questa volta ho cercato di dare più tridimensionalità al pacco e di rendere più definito il grosso fiocco giallo.

Babbo Natale

OHOH!

Figura tipica del Natale è lui!

Ai tempi utilizzavo i semipermanenti, che hanno una formula molto liquida e quindi mentre realizzavo il babbo, i colori si allargavano, creando un aspetto molto disordinato e confusionario.

Questa volta, mantenendo sempre lo stesso stile, ho cercato di dare più definizione alla sua figura!

Spero che tra le unghie che ho realizzato ci possa essere qualche idea che vi sia piaciuta e che vi aiuterà nella scelta delle vostre unghie Natalizie!

Se cliccate qui, vi lascio l’articolo dov’è presente un’ulteriore idea per unghie natalizie.

Guardando al confronto tra ieri e oggi, noto miglioramenti nella mia tecnica e materiali. Spero che questo articolo vi faccia capire che non bisogna scoraggiarsi e fare tanta pratica, perchè in questo mestiere, ci sarà un miglioramento continuo se ci si impegna ogni giorno di più.

Se l’articolo vi è piaciuto, lasciate un like e condividete!

Non scordatevi di seguirmi su Instagram e sul mio canale Youtube!

Alla prossima!

SOFIA

I recreate my old Christmas design

Welcome back to my blog!

As you read from the title, today I want to show you how I recreated old Christmas designs, comparing old ones with new ones, let’s start!

Merry Christmas

This was the original nail.

“Buon Natale” in Italian means “Merry Christmas” in English.

I want to start by saying that if you see the original nails that are a bit dull or yellow it is because they are at least 5 years old and at the time I used luck products.

Having said that, here’s how I did it.

I’ve tried to keep it the same, but with better products and brushes, the result is more pleasant to see.

Snowman

On a silver glittery background that wanted to remember the snow, I had designed a snowman, with the inevitable carrot nose.

Here’s how I recreated it.

Here too I tried to change it as little as possible and added snowflakes, to give more completeness to the background.

Lights

Usually in Christmas nail art you can see a bit of everything but I don’t know why at the time I decided to make some lights.

In the revised version I made the cable thinner and more tidy. In addition, in the spaces that I thought were too empty I also placed other portions of cable.

Fir

Decorated fir trees are beautiful.

Perhaps a mistake I had made at the time was to use a glittery green on a glittery background.

In fact in the review I used another shade of green, added details to the tree but kept the tip and the balls made from rhinestones.

Snowflake

The symbol of winter is snow, so I set about making a flake.

Since it seemed to me a bit abandoned to itself, this time I chose to create a slightly shaded background that can remind me of ice.

Gift package

What beautiful Christmas presents, all wrapped in beautiful cards with huge bows.

This time I tried to give the package more three-dimensionality and to make the big yellow bow more defined.

Santa Claus

OHOH!

He is the typical Christmas figure!

At the time I used gel polishes, which have a very liquid formula and so while I was making Santa, the colors widened, creating a very messy and confusing look.

This time, while maintaining the same style, I tried to give more definition to his figure!

I hope that among the nails I realized there may be some ideas that you enjoyed and that will help you in choosing your Christmas nails!

If you click here, I leave you the article where there is an additional idea for Christmas nail art

Looking at the comparison between yesterday and today, I notice improvements in my technique and materials. I hope that this article will make you understand that we must not be discouraged and do so much practice, because in this profession, there will be continuous improvement if we commit ourselves more and more every day.

If you liked the article, leave a like and share!

Don’t forget to follow me on Instagram and on my channel Youtube!

See you soon!

SOFIA

How the E-file changed my work

Welcome back to my blog!

Today I want to tell you about my experience with the electric file!

Let’s start.

As I said a while ago, besides being able to manually file with files, there is a tool that I imagine has helped all the nail technicians: the E-file.

If you want to know a little more, I invite you to read the article where I add some details.

But today I want to talk to you through various points about how I found myself.

Less effort

With the file, you must always do the same movement manually, which in the long run becomes tiring for the arms and hands.

As long as we talk about refining all 10 fingers, fatigue can be tolerated, but imagine having to refill most of the product with the file.

I obviously tried this on my skin and after a client I was exhausted.

The E-file helped me make less effort, because you don’t have to move your arm anymore.

Less time

Obviously we take less time to do a reconstruction, not so much because the process is faster with the E-file, but because I avoid the pauses due to back, arms and hands fatigue.

More precision

You are more accurate while removing the lifts.

As you know it is very important to remove them and with the file you succeed, but in a less effective way than with the e-file.

Using a suitable bit, you can remove exactly the portion that is raised, without affecting the remaining work.

Working with the e-file or with the files?

So it’s better to work with the electric or manual one?

It depends.

Meanwhile, each operator chooses her way of working.

If you want you can start from the preparation and get to polishing with just the electric one or just the files.

This is the habits and needs of those who work.

Personally, I like to alternate between the e-file and manual file.

During the preparation I use the files, I feel I have more control over the instrument and I feel the strength I put into performing the action.

The electric one is useful for me when I have to remove more product, without doing too much effort.

Using the right bits you will get a good job.

Obviously, however, to refine everything, if I find that I don’t like something, I use the file on which I feel more in control.

In short, I alternate depending on what I need, file and e-file.

And you? How did you find yourself when you used the electric file for the first time?

For me it was a great thrill to be able to afford it!

Today’s article ends here, I hope you enjoyed it and let me know your experience.

If you liked it, leave like and share it!

Don’t forget to follow me on Instagram and on my channel YouTube!

See you soon!

SOFIA

Come mi è cambiato il lavoro con la fresa

Bentornati sul mio blog!

Oggi voglio raccontarvi la mia esperienza con la fresa!

Iniziamo.

Come già dicevo un po’ di tempo fa, oltre a poter limare manualmente con le lime, esiste uno strumento che immagino abbia aiutato tutte le onicotecniche: La fresa

Se volete sapere qualcosina in più vi invito a leggere l’articolo dove aggiungo qualche dettaglio.

Oggi invece voglio, attraverso vari punti parlarvi di come mi sono trovata.

Meno Fatica

Con la lima, bisogna fare manualmente sempre lo stesso movimento, che alla lunga diventa faticoso per le braccia e per le mani.

Finchè si parla di rifinire tutte le 10 dita, la fatica si può sopportare, però immaginate di dover ad ogni refill o ricostruzione limare via la maggiorparte di prodotto con la lima.

Io ovviamente ho provato sulla mia pelle ciò e dopo una cliente ero esausta.

La fresa mi ha aiutato a fare meno fatica, perchè non bisogna più muovere il braccio, fa tutto la punta!

Meno tempo

Ovviamente ci impiego meno tempo a fare una ricostruzione, non tanto perchè con la fresa è più veloce il procedimento, ma perchè evito le pause dovute alla fatica di schiena, braccia e mani.

Più precisione

Con più precisione intendo nella rimozione dei sollevamenti.

Come sapete è molto importante rimuoverli e con la lima ci si riesce, ma in modo meno efficace che con la fresa.

Utilizzando una punta adatta, si potrà rimuovere esattamente la porzione che è sollevata, senza intaccare il restante lavoro.

Lavorare con la fresa o con le lime?

Dunque è meglio lavorare con la fresa o con le lime?

Dipende.

Intanto ogni operatrice sceglie il suo modo di lavorare.

Volendo si può partire dalla preparazione e arrivare alla lucidatura con solo la fresa o solo le lime.

Questo sta alle abitudini e alle esigenze di chi lavora.

Personalmente mi piace alternare l’utilizzo di fresa e lime.

Durante la preparazione uso le lime, sento di avere maggiore controllo dello strumento e sento la forza che metto nel compiere l’azione.

La fresa mi è utile invece quando devo rimuovere più prodotto, senza fare troppa fatica.

Utilizzando le punte adatte si otterrà un buon lavoro.

Ovviamente però per rifinire il tutto, se trovo che qualcosa non mi piace, utilizzo la lima, su cui sento più controllo.

Insomma, alterno a seconda di cui necessito, lima e fresa.

E voi? Come vi siete trovati quando avete usato la fresa per la prima volta?

Per me è stata una grande emozione potermela permettere!

L’articolo di oggi finisce qui, spero vi sia piaciuto e fatemi sapere la vostra esperienza.

Se vi è piaciuto, lasciate like e condividetelo!

Non dimenticatevi di seguirmi su Instagram e sul mio canale YouTube!

Alla prossima!

SOFIA

Ideas to create Jewel nails

Welcome back to my blog!

Today I am here because I want to offer you ideas to make your nails real jewels.

Today we will add to the glitter, swaroski and beads.

Let’s begin!

Jewel nail on french

You will certainly remember this nail, I had inserted it in those where I showed how to create the under-glass effect.

To add some preciousness near the cuticle, I applied a large drop-shaped diamond to the center.

To frame and follow the figure of the rhinestones I have also decided to put glitter of increasing size.

To add instead a more delicate touch, I put pearls at the base of the diamond and finally two small iridescent dots.

Jewel nail on a single color base

To bring out the glitter to the maximum, I think it is appropriate to create a base that is as neutral as possible.

So after applying my chosen color, I decided to create my own composition.

The protagonist is the drop-shaped glitter.

As it is in relief, to fill the spaces that were created I added these violet stones and two other little diamonds, smaller and transparent.

To give a touch of color, I applied the gold bar and finally to make a somewhat elongated shape to the composition, I applied three decreasing glitter below it.

Jewel nail on a sugar effect base

If you want you can also choose to resume the brilliance of the glitter by creating a sugar effect on the nail.

In the idea I propose, I also applied a very large brilliant in the center.

Following its shape I surrounded it with pearls, which have fuchsia microspheres between them.

At the top I applied a boreal rhinestone, while at the bottom one that reflects the color of the base.

The latter was also surrounded by colored microspheres.

Jewel fingernail on a holographic basis

If the sugar effect was too intense, but a single color base would be too dull, there is a middle ground.

By creating a holographic effect on a white base, you can get the right brightness without being overdone.

So to maintain this delicacy, I applied a small rhinestone to the center and with even smaller ones I surrounded it, creating also two straight lines.

At the end of each line there are two blue microspheres.

Jewel nails on a fantasy base

There is also the possibility of embellishing a simple fantasy.

So above a zebra-striped nail, I chose to apply like a belt of glitter of a similar size, so as not to be too discordant with one another.

Here are some of my ideas for creating jewel nails, I hope you enjoyed them.

If you liked this article, leave a like and share.

Don’t forget to follow me on Instagram and on my Youtube channel!

See you soon!

SOFIA

Idee per creare unghie Gioiello

Bentornati sul mio blog!

Oggi sono qui perchè voglio proporvi delle idee per rendere le vostre unghie dei veri e propri gioielli.

Oggi abbonderemo con glitter, swaroski e perline.

Iniziamo!

Unghia gioiello su french

Quest’unghia la ricorderete di sicuro, la avevo inserita in quelle dove mostravo come poter creare l’effetto sottovetro.

Per aggiungere un po’ di preziosità vicino al giro cuticole, ho applicato al centro un grosso brillantino a forma di goccia.

Per incorniciare e seguire la figura dello strass ho deciso anche di mettere dei brillantini di grandezza crescente.

Per aggiungere invece un tocco più delicato ho messo delle perle alla base del brillantino e infine due piccoli pallini iridescenti.

Unghia gioiello su base monocolore

Per far risaltare al massimo i brillantini, penso sia opportuno creare una base che sia la più neutra possibile.

Dunque dopo aver applicato il mio colore a scelta, ho deciso di creare la mia composizione.

In protagonista è il brillantino a forma di goccia.

Siccome è in rilievo, per riempire gli spazi che si creavano ho aggiunto queste pietruzze viola e altri due diamantini, più piccoli e trasparenti.

Per dare un tocco di colore, ho applicato la barretta oro e infine per fare una forma un po’ allungata alla composizione, ho applicato tre brillantini decrescenti al di sotto di essa.

Unghia gioiello su base effetto zucchero

Volendo si può anche scegliere di riprendere la brillantezza dei glitter creando sull’unghia un effetto zucchero.

Nell’idea che propongo ho anche in questo caso applicato un brillante molto grande al centro.

Seguendo la sua forma l’ho contornato con delle perle, che tra di loro hanno delle microsfere fucsia.

In cima ho applicato uno strass boreale, in basso invece uno che riprende il colore della base.

Quest’ultimo è stato contornato anche lui con delle microsfere colorate.

Unghia gioiello su base olografica

Se l’effetto zucchero fosse troppo intenso, ma una base monocolore sarebbe troppo spenta, c’è una via di mezzo.

Creando un effetto olografico su di una base bianca, si potrà ottenere la giusta luminosità senza però essere esagerati.

Quindi per mantenere questa delicatezza, ho applicato al centro uno strass un po’ piccolo e con quelli ancora più piccoli l’ho contornato, creando anche due linee dritte.

Alla fine di ogni linea ci sono due microsfere blu.

Unghie gioiello su base a fantasia

C’è anche la possibilità di impreziosire una semplice fantasia.

Dunque al di sopra di un’unghia zebrata, ho scelto di applicare come una cintura di brillantini, di grandezza simile, per non essere troppo discordanti tra loro.

Ecco qui alcune mie idee per poter creare delle unghie gioiello, spero che vi siano piaciute.

Se questo articolo vi è piaciuto lasciate un like e condividete.

Non scordatevi di seguirmi su Instagram e sul mio canale Youtube!

Alla prossima!

SOFIA

I challenge the lasting of different Polish brands

Welcome back to everyone!

Today I will take a test on the durability of various polish brands with this article.

I kept these polish on my right hand for 12 days.

Together we will find out which one behaved better.

Let’s start!

11/17

Starting point and used polishes

These were my nails, just made the nail polish.

Now I will put the photos of the products, in order from the little finger to the thumb.

As you can see I have changed in the brands, so that it was a homogeneous test.

Furthermore, as bases, I chose to vary between glossy and opaque.

I also thought that the drops that help the drying process of polish could also have an effect, so I chose two brands.

In the past I worked better with opaque bases, so I thought the index and middle would be those with longer duration.

We’ll find out if I was right.

11/19

Polishes are known for the fact that they chip very easily.

In fact, as you can see, the thumb was the first to chip, although I had paid close attention to sealing the nail polish on the tip.

11/22

After two days, even the medium and index, which were the ones I hoped for the most, had two large chips.

The thumb was no longer sealed, so the polish slowly ruined more and more.

The little finger and the ring finger instead remained the same.

Most likely the first three fingers were ruined first because they are the ones I use most in everyday life.

I also thought that the thumb would have lasted longer, because in my experience polishes with glitter have more resistance than those without.

11/25

As the days go by, the first three fingers present less product, losing adhesion, almost leafing through it, especially the medium one.

The little finger still resists, it’s a bit ruined because I used glue without gloves.

The ring finger also looks perfect but it can be seen that it has a very small chip on the right corner.

11/28

On this day I decided that I would end the test, because 12 days had already passed, when a polish in general remains beautiful for 1 week.

This is the final situation.

The ring finger is almost perfect except for another chip on the left corner and you can see the first three fingers with your eyes.

The little finger is still perfect.

Final considerations

I have to admit that I am disappointed with Essence’s All in one Ridge filler base.

I thought it would be the one with the best performances, instead it turned out to be the worst.

I am amazed, on the other hand, by the glossy SOS power Repair base by Essence, which I used on the ring finger, which did not present major problems.

Surely its duration will have been influenced also by the glitter above.

The thumb had the behavior I expected.

The little finger gave me satisfaction instead.

I used a Layla polish that has a particular formulation. It’s called 3.0 Hybrid nail polish.

It says it lasts even 15 days.

Initially I was skeptical, I didn’t think it was true what he promised, but I changed my mind.

The little finger was the only finger that didn’t have chipping problems, and I think it’s also due to the base that didn’t lift.

I used a shiny base, Triple Care by Essence.

Obviously this is a test based on my nails. These products may have another hold on nails and a different lifestyle.

Furthermore some fingers of one hand are used more often than others, this also affects the duration of the enamel.

Ranking

Based on the combinations of polishes you saw at the beginning, I will create the ranking.

5th place – Middle

4th place – Index

3rd place – Thumb

2nd place – Ring road

and in first place of course .. the Little Finger!

I hope you enjoyed this article. What do you think about the lasting of these polishes?

Let me know if you still want to read articles like this.

If you liked it, leave like and share it!

Don’t forget to follow me on Instagram and on my channel YouTube!

See you soon!

SOFIA

Testo la durata di varie marche di smalto

Bentornati a tutti!

Oggi porterò con questo articolo un test sulla durata di varie marche di smalto.

Ho tenuto sulla mia mano destra questi smalti per 12 giorni.

Insieme scopriremo quale si è comportato meglio.

Iniziamo!

17/11

Situazione iniziale e smalti usati

Queste erano le mie unghie, appena fatto lo smalto.

Ora metterò le foto dei prodotti, in ordine dal mignolo al pollice.

Come potete notare ho variato nelle marche, in modo che fosse un test omogeneo.

Inoltre come basi ho scelto di variare tra lucide e opache.

Ho pensato che anche le gocce asciuga smalto potessero influire per cui ne ho scelte due marche.

In passato mi trovavo meglio con le basi opache, per cui pensavo che l’indice e il medio sarebbero stati quelli con durata maggiore.

Scopriremo se avevo ragione.

19/11

Gli smalti sono conosciuti per il fatto che si sbeccano molto facilmente.

Infatti come potete vedere il pollice è stato il primo a sbeccarsi, nonostante io avessi prestato molta attenzione a sigillare bene lo smalto in punta.

22/11

Dopo due giorni anche il medio e l’indice, che erano quelli su cui speravo di più, presentavano due grosse sbeccature.

Il pollice oramai non era più sigillato, dunque piano piano lo smalto si levava sempre di più.

Il mignolo e l’anulare invece sono rimasti identici.

Molto probabilmente le prime tre dita si sono rovinate prima perchè sono quelle che utilizzo maggiormente nel quotidiano.

Inoltre pensavo che il pollice avrebbe resistito di più, perchè nella mia esperienza gli smalti con i glitter hanno più resistenza di quelli senza.

25/11

Con il passare dei giorni, le prime tre dita presentano sempre meno prodotto, perdendo aderenza, quasi sfogliandosi, soprattutto il medio.

Il mignolo resiste ancora, è un po’ rovinato perchè ho usato della colla senza guanti.

L’anulare sembra anche perfetto ma si può notare che ha una piccolissima sbeccatura all’angolo destro.

28/11

In questo giorno ho deciso che avrei posto fine al test, perchè erano passati già 12 giorni, quando uno smalto in generale resta bello per 1 settimana.

Questa è la situazione finale.

L’anulare è quasi perfetto tranne un’altra sbeccatura all’angolo sinistro e le prime tre dita le potete vedere con i vostri occhi.

Il mignolo è ancora perfetto.

Considerazioni finali

Devo ammettere che sono delusa dalla base All in one Ridge filler di Essence.

Pensavo che sarebbe stata quella con le performance migliori, invece si è rivelata la peggiore.

Sono stupita invece dalla base lucida SOS power Repair della Essence, che ho utilizzato sull’anulare, che non ha presentato grandi problemi.

Sicuramente la sua durata sarà stata influenzata anche dai brillantini al di sopra.

Il pollice ha avuto il comportamento che mi aspettavo.

Il mignolo invece mi ha dato soddisfazione.

Ho usato uno smalto della Layla che ha una formulazione particolare. Si chiama 3.0 Hybrid nail polish.

Dice di durare perfetto anche 15 giorni.

Inizialmente ero scettica, non credevo che fosse vero ciò che prometteva, ma mi devo ricredere.

Il mignolo è stato l’unico dito che non ha avuto problemi di sbeccatura, e penso sia anche dovuto alla base che non si è sollevata.

Ho usato una base lucida, Triple Care di Essence.

Ovviamente questo è un test basato sulle mie unghie. Questi prodotti potrebbero avere un’altra tenuta su unghie e stile di vita diverso.

Inoltre alcune dita di una mano si usano più spesso si altre, anche questo influisce sulla durata dello smalto.

Classifica

In base alle combinazioni di smalti che avete visto all’inizio, stilerò una classifica.

5° posto– Medio

4°posto– Indice

3°posto– Pollice

2°posto– Anulare

e al primo posto ovviamente.. il Mignolo!

Spero che questo articolo vi sia piaciuto. Cosa ne pensate voi della durata di questi smalti?

Fatemi sapere se volete leggere ancora articoli di questo genere.

Se vi è piaciuto, lasciate like e condividetelo!

Non dimenticatevi di seguirmi su Instagram e sul mio canale YouTube!

Alla prossima!

SOFIA

I create a nail with most techniques I know

Welcome back to my blog!

Today I want to bring you a kind of challenge with myself!

I decided to create a nail with most of the nail art techniques I know!

Let’s begin!

French

I decided to create an almond shape with a deep and inverse french, using a constructor cover to optically lengthen the nail bed.

Marble

As a French color I decided to create a marble effect.

I placed the colors of my choice on a surface and mixed them but not completely. I wanted to get streaks.

Once I reached a pleasant result, with a fairly large brush I took the color and applied it on the french.

Under-glass

To create this effect, I encapsulated fake dried flowers and even glitter in the french to add an extra touch of color.

Plasticine

As a common element I decided to choose flowers so I made one with plasticine. if you want to know more read the article dedicated to it.

Sugar

In my nail art I have repeated it several times.

I made the leaves of the plasticine flower by applying a glittery powder over the green color, so that it remained in relief.

Microspheres

To make the other two leaves of the flower I instead used lilac microspheres.

Acrylic painting

To frame the french I also made two black roses with acrylic paint.

Chrome

Under the plasticine flower I made three dots with black which I then sprinkled with rose gold chrome powder.

Rhinestone

Finally, to add a touch of extra light I added some rhinestones near the cuticle, and one also in the center of the flower.

These are all the techniques I used to create this nail.

I know several others but it would have been a bit difficult to put them all.

If you are interested in other techniques anyway, consult the “Decorazioni” section of my blog!

I hope you enjoyed this article. I really enjoyed this challenge to myself.

If you liked this article, leave a like and share.

Don’t forget to follow me on Instagram and on my Youtube channel!

Until next time!

SOFIA

Creo un’unghia con la maggior parte di tecniche che conosco

Bentornati sul mio blog!

Oggi voglio portarvi una specie di sfida con me stessa!

Ho deciso di creare un’unghia con la maggior parte di tecniche riguardanti la nail art che conosco!

Iniziamo!

French

Ho deciso di creare una mandrola con una french inversa e profonda, utilizzando un cover costruttore per allungare otticamente il letto ungueale.

Marmo

Come colore della french ho deciso di realizzare un effetto marmo.

Ho appoggiato su una superficie i colori a mia scelta e li ho mescolati ma non completamente. Volevo ottenere delle striature.

Una volta raggiunto un risultato a me gradevole, con un pennello abbastanza grande ho prelevato il colore e applicato sulla french.

Sottovetro

Per creare questo effetto ho incapsulato nella lunetta dei fiori finti secchi e anche dei glitter, per dare un tocco di colore in più.

Plastilina

Come elemento comune ho deciso di scegliere i fiori quindi ne ho realizzato uno con la plastilina. se volete saperne di più leggete pure l’articolo ad essa dedicato.

Zucchero

Nelle mie nail art l’ho riproposto parecchie volte.

Le foglie del fiore in plastilina le ho realizzate applicando sopra al colore verde una polvere glitterata, in modo rimanesse in rilievo.

Microsfere

Per fare le altre due foglie del fiore ho invece usato delle microsfere lilla.

Pittura acrilica

Per incorniciare il french ho anche realizzato due rose nere con la pittura acrilica.

Cromato

Sotto al fiore di plastilina ho realizzato tre puntini con il nero che poi ho cosparso di polvere cromata oro rosa.

Brillantini

Infine per aggiungere un tocco di luce in più ho aggiunto degli strass vicino al giro cuticole, e uno anche al centro del fiore.

Queste sono tutte le tecniche che ho utilizzato per creare quest’unghia.

ne conosco parecchie altre ma sarebbe stato un po’ difficile inserirle tutte.

Se comunque vi interessa sapere altre tecniche, consultate la sezione Decorazioni del mio blog!

Spero questo articolo vi sia piaciuto. Io mi sono divertita molto in questa sfida a me stessa.

Se questo articolo vi è piaciuto lasciate un like e condividete.

Non scordatevi di seguirmi su Instagram e sul mio canale Youtube!

Alla prossima!

SOFIA

Which shape should I do?

Welcome back to my blog!

Today I want to talk to you about something that customers often ask themselves.

What shape can I choose for my hands?

Let’s start!

Oval

This form is suitable for those with a wide nail bed and a rather large hand.

This shape helps the hand to appear more tapered and is an excellent shape for those who want to wear short nails.

In fact this shape makes the hand softer, they are perfect for a natural look and are easy to make.

Almond

The almond is very similar to the oval.

This is suitable for those with slightly squat and short fingers, because the tapered and delicate tip will allow your fingers to slender.

The almond can be made both of medium-short length, but also quite long.

Stiletto

The stiletto nails, look like a very long and pointed almond.

Certainly one must be used to wearing long nails: the stiletto must have a minimum of 3 centimeters in length !!

They are therefore suitable for lovers of extravagant nails, but also for those with chubby hands, because their length will tend to make them loose.

Square / Marylin / Ballerina

These types of nails have the characteristic of having a straight tip.

They are not recommended for those who already have a small, squat hand because the straight tip will optically cut the length of the finger.

So they will go well on the already long and beautiful tapered hands.

Extreme shapes

The extreme forms like the Edge, the Cube, Russian Almond and Gothic Almond are beautiful, in my opinion only for exposure.

They are very long, difficult to carry and difficult to make.

If you want to have them for a day, then ok, but in everyday life they would be a bit difficult to manage.

I hope this brief but concise article may have helped you.

If you liked this article, don’t forget to leave a like and share.

Follow me on Instagram and Youtube !

See you soon!

SOFIA

Quale forma scegliere?

Bentornati sul mio blog!

Oggi voglio parlarvi di una cosa che spesso le clienti si domandano.

Quale forma posso scegliere per le mie mani?

Iniziamo!

Ovale

Questa forma è adatta a chi ha un letto ungueale largo e una mano piuttosto grande.

Questa forma aiuta la mano ad apparire più affusolata ed è una forma ottima per chi vuole portare le unghie corte.

Infatti questa forma rende più dolce la mano, sono perfette per un look naturale e sono facili da realizzare.

Mandorla

La mandorla è molto simile all’ovale.

Questa è adatta a chi ha dita un po’ tozze e corte, perchè la punta affusolata e delicata, permetterà di slanciare le dita.

La mandorla può essere realizzata sia di media lunghezza- corta, ma anche piuttosto lunga.

Stiletto

Le unghie a stiletto, assomigliano ad una mandorla molto lunga, e appuntita.

Certamente bisogna essere abituate a portare le unghie lunghe: lo stiletto deve avere minimo 3 centimetri di lunghezza!!

Sono indicate quindi per le amanti delle unghie stravaganti, ma anche chi ha le mani paffute, perchè la loro lunghezza, tenderà a slanciarle.

Quadrata/Marylin/Ballerina

Quest tipi di unghie hanno la caratteristica di avere la punta dritta.

Sono sconsigliate su chi ha già di suo una mano piccola e tozza, perchè la punta dritta, taglierà otticamente la lunghezza del dito.

Dunque andranno bene sulle mani già lunghe e belle affusolate.

Forme estreme

Le forme estreme come la Edge, la Cube, Mandorla russa e Mandorla gotica sono belle, a mio parere solo per esposizione.

Sono molto lunghe, difficili da portare e difficili da realizzare.

Se le si vogliono avere per un giorno, allora ok, però nella vita quotidiana sarebbero un po’ difficili da gestire.

Spero che questo articolo breve ma conciso possa esservi stato d’aiuto.

Se questo articolo vi è piaciuto, non scordatevi di lasciare un like e condividere.

Seguitemi pure su Instagram e su Youtube!

Alla prossima!

SOFIA

Can nail art with bubble be made with regular polish?

Welcome back to my blog!

Today I want to tell you about the foam art with nail, which has been on the web in the last few days.

Let’s start!

Nail art with gel

This is the nail art I’m talking about!

Surely you’ve seen it in many posts around the web and there are already several tutorials explaining how to do it.

In short, to create this effect, after applying a color of your choice and then a top coat without curing it, place the foam on the nail surface.

Once this is done, it polymerizes and you’re done!

If you want to see how it is done, on youtube you will surely find many ideas.

Nail art with nail polish

Then I asked myself:

Can it also be made with regular polish?

You know I like trying to make nail art that is created with gel even with normal nail polishes, as you may recall from the spider gel.

This time, unfortunately, it wasn’t very successful.

Realization

Also in this case, after applying the color, I put a rather abundant layer of top coat, and tried to apply the foam.

Here the problems started already. The foam slipped away, and even if I could make it stay, it melted immediately.

Probably this is given by the chemical composition of the polish which, perhaps reacting with soap, makes it melt.

However, once the foam had disappeared, the effect remained slightly, but not as evident as with a top coat gel.

Also made with gels, this nail art is really fast and beautiful.

It took me about a quarter of an hour to do it with polishes without counting the eternal drying times.

Can it be done?

So it can be realized?

More or less I would answer.

The result is not the best, it takes a long time so I don’t know if it’s worth it.

Obviously if you want to try and you will succeed, let me know!

I leave you here the link of the video where I show the realization of this nail art, which unfortunately, I consider a failure.

If you liked this article, leave a like and share!

Don’t forget to follow me on Instagram and on my Youtube channel!

See you soon!

SOFIA

Si può realizzare la Nail art con la schiuma con lo smalto?

Bentornati sul mio blog!

Oggi voglio parlarvi della nail art con la schiuma, che in questi ultimi giorni sta spopolando sul web.

Iniziamo!

Nail art con gel

Questa è la nail art di cui sto parlando!

Sicuramente la avete vista in parecchi post in giro sul web ed esistono già molti tutorial che spiegano come realizzarla.

In breve, per creare questo effetto, bisogna, dopo aver applicato un colore a scelta e in seguito un top coat senza polimerizzarlo, appoggiare sulla superficie dell’unghia la schiuma.

Una volta fatto ciò si polimerizza e il gioco è fatto!

Se volete vedere come si realizza, su youtube troverete sicuramente molti spunti.

Nail art con smalto

Allora io mi sono domandata:

Si potrà realizzare anche con del semplice smalto?

Sapete che mi piace provare a realizzare le nail art che si creano con il gel anche con gli smalti normali, come ricorderete dallo spider gel.

Questa volta purtroppo, non è stato un gran successo.

Realizzazione

Anche in questo caso, dopo aver applicato il colore, ho steso uno strato piuttosto abbondante di top coat, e ho cercato di appoggiare la schiuma.

Qui iniziavano già i problemi. La schiuma scivolava via, e anche se riuscivo a farla stare, si scioglieva subito.

Probabilmente ciò è dato dalla composizione chimica degli smalti che forse reagendo con il sapone, lo fa sciogliere.

Comunque, una volta che la schiuma era sparita, l’effetto rimaneva leggermente, ma non evidente come con un top coat gel.

Inoltre realizzata con i gel questa nail art è davvero veloce e ad impatto.

Per farla con gli smalti ci ho messo circa un quarto d’ora senza contare i tempi eterni di asciugatura.

Si può fare?

Dunque si può realizzare?

Più o meno risponderei.

Il risultato non è dei migliori, ci vuole parecchio tempo e quindi non so se ne valga effettivamente la pena.

Ovviamente se vorrete provare e ci riuscirete, fatemi sapere!

Vi lascio qui il link del video dove dimostro la realizzazione di questa nail art, che per sfortuna, considero un po’ un fallimento.

Se questo articolo vi è piaciuto, lasciate un like e condividete!

Non scordatevi di seguirmi su Instagram e sul mio canale Youtube!

Alla prossima!

SOFIA

Why is it important to remove lifts?

Welcome back to a new article!

I recently talked about why lifts are created and how to avoid having them.

Today I want to talk about the importance of removing them.

Let’s start!

Aesthetics

Let’s say that our reconstruction was created with a clear and during this refill we don’t want to apply the color.

Once the old one is removed, you will find that you have created a bubble between product and nail.

If we ignore it, and decide not to remove it, covering the new portion of nail with the transparent gel, we will see that unsightly white patch.

If we want to do a well done job, especially on an aesthetic level, it is good to remove all the whitish halos of the lifts.

Other lifts

We always assume that you have removed the color from a reconstruction and first noticed, and then ignored a lift.

So we decide to apply new product in the new nail, above that bubble.

Since at that point the product is detached from the nail, if by chance a shot is taken, that portion already raised, would also detach the new product from the nail, which has also been applied for a few days.

To avoid this happening, it is good to remove all bubbles, in order not to compromise the life of the product.

Bacteria and Mycosis

I think this is the most important reason among the three.

Between the nail and the product, if there is the right adherence, nothing can enter.

However, if a lifting occurs, it could happen that due to the humidity that is created and all the microparticles that are going to fit underneath, they could lead to a nail disease.

We know very well that mycosis and bacteria lurk in the dust and would be very serious if they were deposited on the nail.

If you ignore a lift, covering it in turn in a refill, below it would create the ideal environment for the proliferation of mycosis and bacteria.

In this case, most of all, it is very important to remove the raised product, paying close attention, to avoid possible diseases.

These are the main reasons for removing a lift from a reconstruction.

I recommend, if you liked the article, it was useful to leave a like and share.

Follow me on instagram!

See you soon!

SOFIA

Perchè è importante rimuovere i sollevamenti?

Bentornati su un nuovo articolo!

Recentemente ho parlato del perchè i sollevamenti si creano e come evitare di averli.

Oggi voglio invece parlarvi dell’importanza che ha rimuoverli.

Iniziamo!

Estetica

Mettiamo caso che la nostra ricostruzione è stata creata con un clear e durante questo refill non vogliamo applicare il colore.

Una volta tolto quello vecchio dunque si scoprirà di aver creato una bolla tra prodotto e unghia.

Se lo ignoreremo, e decidiamo di non levarlo, ricoprendo la nuova porzione di unghia con il gel trasparente, vedremo quella antiestetica chiazza bianca.

Se vogliamo fare un lavoro ben fatto, soprattutto a livello estetico, è bene rimuovere tutti gli aloni biancastri dei sollevamenti.

Altri sollevamenti

Ipotizziamo sempre di aver rimosso il colore da una ricostruzione e aver prima notato, e poi ignorato un sollevamento.

Decidiamo così di applicare nuovo prodotto nell’unghia nuova, al di sopra di quella bolla.

Siccome in quel punto il prodotto è staccato dall’unghia, se per caso si prendessa un colpo, quella porzione già sollevata, farebbe distaccare dall’unghia anche il nuovo prodotto, applicato anche da pochi giorni.

Per evitare dunque che questo si verifichi è bene rimuovere tutte le bolle, per non compromettere la durata del prodotto.

Batteri e Funghi

Questo penso sia il motivo più importante tra i tre.

Tra l’unghia e il prodotto, se c’è la giusta aderenza, niente può entrare.

Se però si verifica un sollevamento, potrebbe succedere che a causa dell’umidità che si viene a creare e tutte le microparticelle che si vanno ad incastrare là sotto, potrebbero portare ad una malattia dell’unghia.

Sappiamo molto bene che i funghi e i batteri si annidano nella polvere e sarebbe molto grave se si depositassero sull’unghia.

Se si ignora un sollevamento, ricoprendolo a sua volta in un refill, al di sotto di esso si creerebbe l’ambiente ideale per la proliferazione di funghi e batteri.

In questo caso più di tutti è importantissimo rimuovere il prodotto sollevato, prestando molto attenzione, per scongiurare possibili malattie.

Questi sono i motivi principali per rimuovere un sollevamento da una ricostruzione.

Mi raccomando,se l’articolo vi è piaciuto e stato utile lasciate un like e condividete.

Seguitemi pure su instagram!

Alla prossima!

SOFIA

Nail art created with Plastigel

Welcome back to my blog!

Today I want to show you various things that can be done with plasticine in gel.

Let’s start!

How to work it

Let’s start by briefly explaining how to work.

After taking the plasticine with a dotter , lightly warming it with the fingertips, rests it on the nail.

Later with a brush soaked in cleaner , you can start working it.

Don’t worry, if you don’t understand, you can go to my Youtube channel , where I show how I make three of these nail art!

Flower

The easiest thing to do is a flower.

On a rose gold base, I created this flower in relief , intentionally a little more thick, so that his figure stands out.

Later I decided to color it with these bright colors.

In the center I also applied rhinestones, to create a light point.

Quilt

Yes, you read that right. 😂

With plasticine, which is soft to work with, and does not dry until it goes into the lamp, this effect can be achieved.

After creating a uniform layer of plasticine over the entire nail, with a sewing thread I created the crossings , which reminds a blanket.

To embellish it all I decided to put microspheres where x were created.

You want to see it done, I leave the video link here.

Calla

As I said before, the most immediate thing you can do is flowers.

I decided to create a delicate calla, white on a bright red background.

I also made the stem, so that it made sense.

I worked in the usual way the plasticine, I colored it and to resume the white of the flower, I made some decorations in the background.

I leave the video link here too.

Flowers

This time I made three flowers on the same nail and in a different way.

To get different flowers, I changed the verse of plasticine making.

Depending on what I wanted to create, I used to press with the brush in different directions.

I sealed it all, applied the rhinestones in the center and even here to embellish the background I made decorations with white.

Last video I made of this series, here to see it.

So this is all for today’s article, I hope you liked my ideas and helped you understand how they come about.

If you liked the article, leave a like and share.

If you want to see more, follow me on instagram and Youtube, see you soon!

SOFIA

Nail art realizzate con Plastilina in Gel

Bentornati sul mio blog!

Oggi voglio mostrarvi varie cose che si possono realizzare con la plastilina in gel.

Iniziamo!

Come lavorarla

Iniziamo spiegando brevemente come si lavora.

Dopo aver prelevato con un dotter la plastilina, riscaldandola leggermente con i polpastrelli, la si appoggia sull’unghia.

In seguito con un pennello imbevuto di cleaner, si inizia a lavorare.

Non preoccupatevi, se non avete capito potete andare sul mio canale Youtube, dove mostro come realizzo tre di queste nail art!

Fiore

La cosa più facile da realizzare è un fiore.

Su una base oro rosa, ho creato questo fiore in rilievo, volutamente un po’ più spesso, in modo che risaltasse la sua figura.

In seguito ho deciso di colorarlo con questi colori accesi.

Al centro ho applicato anche uno strass, per creare un punto luce.

Trapunta

Si, avete letto bene.😂

Con la plastilina, che è morbida da lavorare, e non si asciuga finchè non entra in lampada, si può realizzare questo effetto.

Dopo aver creato uno strato uniforme di plastilina su tutta l’unghia, con un filo da cucito ho creato gli incorci, che ricordano una coperta.

Per abbellire il tutto ho deciso di mettere delle microsfere dove si creavano le x.

Volete vederla realizzata, vi lascio qui il link del video.

Calla

Come ho già detto prima la cosa più immediata che si può realizzare sono i fiori.

Ho deciso di creare una delicata calla, bianca e candida su uno sfondo rosso acceso.

Ho realizzato anche il gambo, in modo che avesse un senso, seza fare solamente il calice del fiore.

Ho lavorato al solito modo la plastilina, l’ho colorata e per riprendere il bianco del fiore, ho realizzato delle decorazioni sullo sfondo.

Anche di questo vi lascio qui il link del video.

Fiori

Questa volta ne ho realizzati tre su una stessa unghia e in modo differente.

Per ottenere diversi fiori, ho cambiato il verso di lavorazione della plastilina.

A seconda di ciò che volevo creare, facevo pressione con il pennello o verso l’interno o verso l’esterno.

Ho sigillato il tutto, applicato gli strass al centro e anche qui per abbellire lo sfondo ho fatto delle decorazioni col bianco.

Ultimo video che ho realizzato di questa serie, qui dove vederlo.

Quindi questo è tutto per l’articolo di oggi, spero che le mie idee vi siano piaciute e vi abbiano aiutato a capire come si realizzano.

Se l’articolo vi è piaciuto, lasciate un like e condividete.

Se volete vedere altro, seguitemi su instagram e Youtube, alla prossima!

SOFIA

How to avoid lifting in a reconstruction

Welcome back to my blog!

Today I want to talk to you about something quite important if we perform nail reconstructions: How to avoid lifting.

Let’s start!

What is a lifting

I start by explaining what lifts are.

As the word suggests, they are lifts that are created between natural nail and product , which can be gel, acrylic or acrigel.

They are recognized for their whitish appearance, as if they were a bubble.

Nail preparation

One of the first phases of a reconstruction is the preparation of the nail plate.

During this process we must pay close attention to how we prepare the nail because most of the time the product is raised is due to a poor nail preparation.

It is very important to push back all the cuticles and eliminate them as best as possible . If the product encounters cuticles, at that point it is very likely to rise.

Furthermore, the surface must be well matted and apply carefully all the preparers : Nail prep, primer and binder.

All these steps are used to create an uneven surface to which the product can cling better, without causing lifting.

Base

As you know, there are various types of gel, including monophasic and three-phase.

Using the monophasic ones, I found almost always product lifts. This is because a product that does everything in one, will be less effective than one designed for its purpose.

For this reason I recommend using a base below your builder , both monophasic and triphasic. This product in addition will further improve the tightness of the product.

Precise application

Another very important thing is the attention paid during the application.

Especially when bulging is created, you need to get as close as possible to cuticles, without ever touching the skin.

If you touch the skin, it’s almost certain that over time, at that point, will create a bubble.

These are the most important things, but obviously during the reconstruction we must avoid going the dust on the nail, or avoid touching it with the fingertip, always for do not alter the prepared structure to accommodate only the gel and prevent it from lifting.

These are the tips to avoid creating lifts. I left out the question of why it is important to remove them once created, but I will soon talk about it in a new article.

If you liked it, leave a like and share and see you soon!

SOFIA

Come evitare i sollevamenti in una ricostruzione

Bentornati sul mio blog!

Oggi voglio parlarvi di una cosa abbastanza importante se eseguiamo ricostruzioni unghie: Come evitare i sollevamenti.

Iniziamo!

Cosa sono

Parto spiegando cosa sono i sollevamenti.

Come suggerisce la parola, sono dei sollevamenti che si creano tra unghia naturale e prodotto, che può essere gel, acrilico o acrigel.

Li si riconoscono per il loro aspetto biancastro, come se fossero una bolla.

Preparazione dell’unghia

Una delle prime fasi di una ricostruzione è la preparazione della lamina ungueale.

Durante questo processo dobbiamo prestare molto attenzione a come prepariamo l’unghia perché la maggior parte delle volte in cui il prodotto si solleva è a causa di una scarsa preparazione delle unghie.

E’ molto importante spingere indietro tutte le cuticole ed eliminarle il meglio possibile. Se il prodotto incontrasse delle cuticole, in quel punto è molto probabile che si sollevi.

Inoltre bisogna opacizzare bene tutta la superficie e applicare accuratamente tutti i preparatori: Nail prep, primer e binder.

Tutti questi passaggi servono a creare una superficie irregolare a cui il prodotto può aggrapparsi meglio, senza causare sollevamenti.

Base

Come sapete esistono vari tipi di gel, tra cui monofasici e trifasici.

Utilizzando quelli monofasici, ho riscontrato quasi sempre sollevamenti del prodotto. Questo perchè un prodotto che fa tutto in uno, risulterà meno efficace di uno studiato apposta per il suo compito.

Per questo vi consiglio l’utilizzo di una base al di sotto del vostro costruttore, sia monofasico che trifasico. Questo prodotto in più migliorerà ulteriormente la tenuta del prodotto.

Applicazione precisa

Un’altra cosa molto importante è l’attenzione prestata durante l’applicazione.

Soprattutto quando si crea la bombatura, bisogna avvicinarsi il più possibile al girocuticole, senza però mai toccare la pelle.

Se si tocca la pelle, è quasi certo che con il tempo in quel punto si creerà una bolla.

Queste sono le cose più importanti, però ovviamente durante la ricostruzione bisogna evitare di far andare la polvere sull’unghia, oppure evitare di toccarla con il polpastrello, sempre per non alterare la struttura preparata per accogliere solamente il gel ed evitare che si sollevi.

Queste sono le dritte per evitare di creare sollevamenti. Ho tralasciato il discorso del perchè è importante rimuoverli una volta creati, ma lo affronterò presto in un nuovo articolo.

Se vi è piaciuto, lasciate un like e condividete e alla prossima!

SOFIA

Under-glass effect Nail Art

Welcome back to my blog!

Today I want to show you possible nail art that can be created under glass.

Let’s start!

Under glass effect

As I had already explained in this article , the glass technique consists in creating a decoration below the apex.

Generally, to make this we use clear builders, so that we can perceive the depth of the decorations we have chosen.

Feather

In this nail I decided to create a deep and inverse french. In the bezel I applied a white color so that the blue color of the feather could stand out.

I then added some glitter, sealed it all with a transparent builder and added the final details.

Glitter

I propose this design again.

On a ballerina shape, I applied several types of glitter , but also colored rods . You may also notice the difference in depth between the various layers, which is what makes this style beautiful.

Confetti

The round shape of these decorations makes them look like confetti.

Here on a square shape, I applied the confetti following an order.

On my instagram you will see the mini-video where I polish this design, letting the beauty of these dots come out.

Gold leaf

On this important form, which is the stiletto, I applied below the apex the golden leaves, also in silver color.

These are the ideas I wanted to offer you today, if you follow me on instagram you will find my other works.

Today’s article ends here, I hope you enjoyed it and see you soon!

SOFIA

Nail Art effetto sottovetro

Bentornati sul mio blog!

Oggi voglio illustrarvi possibili nail art che si possono creare sottovetro.

Iniziamo!

Sottovetro

Come già avevo spiegato in questo articolo, la tecnica sottovetro consiste nel creare un decoro al di sotto della bombatura.

In genere per fare ciò si utilizzano dei builder clear, in modo che si possa percepire la profondità delle decorazioni da noi scelte.

Piuma

In questa unghia ho deciso di creare una french profonda e inversa. Nella lunetta ho applicato un colore bianco in modo che il colore azzurro della piuma potesse risaltare.

Ho poi aggiunto dei glitter, sigillato il tutto con un costruttore trasparente e aggiunto i dettagli finali.

Glitter

Ripropongo questo design.

Su una forma a ballerina, ho applicato parecchie tipologie di glitter, ma anche dei tondini colorati. Si può anche notare la differenza di profondità tra i vari strati, ed è ciò che rende bello questo stile.

Coriandoli

La forma tonda di queste decorazioni le fa assomigliare a dei coriandoli.

Qui su una forma squadrata, ho applicato seguendo un ordine i coriandoli.

Sul mio instagram potrete vedere il mini-video dove lucido questo design, facendo uscire la bellezza di questi pallini.

Foglia d’oro

Su quest’importante forma, che è lo stiletto, ho applicato al di sotto della bombatura delle foglie d’oro, anche in colorazione argentata.

Queste sono le idee che ho voluto proporvi oggi, se mi seguite su instagram troverete altri miei lavori.

L’articolo di oggi finisce qui, spero che vi sia piaciuto e alla prossima!

SOFIA

Other hacks and tricks for nails

Welcome back!

Today I want to talk about other hacks for nails, I leave you here the link of those of the last time.

Let’s start!

Spider gel

A novelty has recently come out, the spider gel.

This gel, as the name suggests, has a particular consistency, very thick and filamentous, like that of a spider web.

Using a dotter, dipping it in the jar, you can create straight lines or very beautiful and fast decorations.

If you have any doubts about how it works, on youtube will surely find many videos about it.

Thinking about this gel, I was reminded of something I already saw and then I realized what it was.

The simple polish, if left to dry in the open air, becomes almost sticky.

I then thought that the same effect could be achieved using polishes.

Just put some nail polish on a surface and wait a few minutes.

Later with a dotter you can pick it up and here is your favorite spider gel!

I made a video where I use this technique, I leave the link here.

Water Decal

Water decals are very thin nail stickers that work like tattoos for children.

Many companies recommend dipping them in water for a few seconds and then removing them from their paper and placing them on the nail.

Using them in this way, however, I noticed that they remain wet, which could prevent proper adhesion on the nail.

My advice is to wet a pad with water and then cover and put the water decal in contact with it. It will become damp, it will detach from its paper, without however being wet.

DIY Dotter

When I was younger I used a lot polishes but I needed the dotters to make decorations. At the time online shopping was not so widespread and not all stores had them.

I had thus found an alternative, which I could make myself at home.

The equipment is a pencil with the rubber on top and the pins for tailors, those with the colored head.

Everything is very simple: just stick the pin in the pencil’s rubber and here is your dotter! 😁

These were the other tricks that came to my mind, I hope they will serve you and like you.

If you liked this article, leave a like and share it!

SOFIA

Altri trucchetti per le unghie

Bentornati!

Oggi voglio parlarvi di altri truchetti per le unghie, vi lascio qua il link di quelli dell’altra volta.

Iniziamo!

Spider gel

Da poco tempo è uscita una novità, lo spider gel.

Questo gel come suggerisce il nome (spider in inglese è ragno) ha una consistenza particolare, molto densa e filamentosa, come quella di una ragnatela.

Utilizzando un dotter, immergendolo nel barattolino, si possono creare delle linee dritte, o comunque decori molto belli e veloci.

Se avete dei dubbi su come funziona, cercando su youtube troverete di sicuro molti video a riguardo.

Pensando a questo gel, mi veniva in mente un qualcosa di già visto e poi ho capito cosa fosse.

Il semplice smalto, se lasciato troppo all’aria aperta, secca, diventa quasi colloso.

Allora ho pensato che si potesse realizzare lo stesso effetto utilizzando lo smalto.

Basta appoggiare dello smalto su una superficie e attendere qualche minuto.

In seguito con un dotter lo si può prelevare ed ecco creato il vostro spider gel preferito!

Ho realizzato un video dove vi mostro come ho fatto, vi lascio qui il link.

Water Decal

I water decal sono degli adesivi per le unghie, molto sottili che funzionano come i tatuaggi per i bambini.

Molte aziende consigliano di immergerli per qualche secondo nell’acqua e poi rimuoverli dalla loro carta e adagiarli sull’unghia.

Utilizzandoli in questo modo ho però notato che rimangono come bagnati, e ciò potrebbe impedire una corretta adesione sull’unghia.

Il mio consiglio è quello di inumidire un pad con dell’acqua e poi coprire e mettere a contatto con esso il water decal. Esso si inumidirà, staccherà dalla sua carta, senza però risultare bagnato.

Dotter fai da te

Quando ero più piccola usavo moltissimo gli smalti normali solo che avevo bisogno dei dotter per creare delle decorazioni. Ai tempi lo shopping online non era così diffuso e non tutti i negozi li avevano.

Avevo così trovato un’alternativa, che potevo realizzare da sola a casa.

L’occorrente è una matita con la gommina sopra e i spilli per sarti, quelli con la capocchia colorata.

Il tutto è semplicissimo: basta incastrare lo spillo nella gomma della matita ed ecco fatto il vostro dotter!😁

Questi erano gli altri trucchetti che mi sono venuti in mente, spero vi serviranno e vi siano piaciuti.

Se questo articolo vi è piaciuto, lasciate un like e condividetelo, alla prossima!

SOFIA

Hacks for nails’ lover

Welcome back to my blog!

Today I want to tell you some tricks that maybe not everyone knows about the nail world!

Let’s start!

Nail polish removal with glitter

To add a bright touch to polishes, the ones studded with glitter are often used, which make a beautiful effect.

The problem arises while removing it.

We spend minutes rubbing with the cotton pad and acetone but the glitters remain attached as if they were glued with cement.

What to do then?

The method I use in these cases is to place the cotton pad on the nail, without rubbing it. Leave it there for about 5 minutes and then press it lightly to remove it.

This pack should facilitate the removal of the much loved but agonized glitter.

After removing everything, apply cuticle oil to moisturize the skin and nail.

If you want there are also glitter polishes that have a peel-off base, that lift up, so as to avoid problems during removal.

Polish lasting

When I applied polish on me people asked me if it was gel, seeing the luster but above all the duration.

In recent years, I often asked people how they applied nail polish and simply replied that they made two coats of color and that’s it.

For an optimal duration of simple polish, it is enough to have a base and a top coat.

I prefer separate bases and top coats instead of all in one.

Applying the base we prepare the nail, leveling it but above all giving it a base on which to cling.

After that apply two thin layers of color and make it dry at each step.

Furthermore, to avoid chipping, it is good to seal the polish to the free edge.

After drying the color, apply a well-laid layer of top coat and you’re done.

Maybe these steps can be obvious, but as I said before, not many people know that the base and the sealant greatly increase the lasting.

I also want to specify that the duration depends on the lifestyle of the people, and also on the underlying nails.

Brush cleaning

Now let’s talk about gel.

In order to use brushes to create layers of colors or decorations, we are forced to immerse them in the jar.

Once finished we use a paper towel to remove the color and the brush seems apparently clean.

But when we then immerse it in another color, we see that the previous one tends to come out.

So how do we get a paint to release completely from a brush?

You can buy the brush cleaner, a product specifically designed for cleaning brushes.

Or simply put on a surface a little bit of transparent gel or a top coat and rub the brush. Obviously you will see the various colors come out. Once the top coat is dirty, we dry the brush and repeat these steps until the top coat remains transparent.

These are the first tricks that I decided to offer you, the second part will be released soon.

If you liked the article, leave a like and share. If you have any questions or requests, do not hesitate to contact me.

See you soon!

SOFIA

Trucchetti per le unghie

Bentornati sul mio blog!

Oggi voglio esporvi alcuni trucchetti che magari non tutti conoscono per quanto riguarda il mondo delle unghie!

Iniziamo!

Rimozione smalto con i glitter

Per aggiungere un tocco luminoso allo smalto spesso si utilizzano quelli tempestati di glitter, che fanno un effetto bellissimo.

Il problema sorge durante la rimozione di esso.

Si passano minuti a strofinare con il dischetto di cotone e l’acetone ma i glitter rimangono attaccati come se fossero stati incollati con il cemento😂.

Cosa fare allora?

Il metodo che utilizzo io in questi casi è quello di appoggiare il dischetto di cotone sull’unghia, senza strofinarlo. Lasciarlo li per 5 minuti circa e poi facendo una leggera pressione rimuoverlo.

Questo impacco dovrebbe facilitare la rimozione dei tanto amati ma agognati glitter.

Dopo aver rimosso tutto, applicate l‘olio per le cuticole, per idratare bene la pelle e l’unghia.

Volendo in commercio hanno creato degli smalti glitter che hanno una base peel-off, ovvero che si solleva, in modo da evitare problemi durante la rimozione.

Durata dello smalto

Quando applicavo su di me lo smalto mi chiedevano se fosse gel, data la lucentezza ma soprattutto vedendo la durata.

In questi anni chiedevo spesso alla gente come applicavano lo smalto e mi rispondevano semplicemente che facevano due passate di colore e basta.

Per una durata ottimale del semplice smalto basta avere una base e un top coat.

Prediligo le basi e i top coat separati invece che quelli tutti in uno.

Applicando la base prepariamo l’unghia, livellandola ma soprattutto dandogli una base sulla quale aggrapparsi.

Dopo di che si applicano due strati sottili di colore, facendoli asciugare ad ogni passaggio.

Inoltre, per evitare sbeccature, è bene sigillare lo smalto al margine libero.

Dopo aver fatto asciugare il colore si applica uno strato ben steso di top coat e il gioco è fatto.

Magari questi passaggi possono essere scontati, ma come dicevo prima, non molti sanno che la base e il sigillante aumentano notevolmente la tenuta.

Voglio anche specificare che la durata dipende dallo stile di vita delle persone, e anche dalle unghie sottostanti.

Pulizia pennelli

Ora parliamo di gel.

Utilizzando i pennelli per realizzare strati di colori o decorazioni, siamo costrette ad immergerli nel barattolo.

Una volta finito utilizziamo uno scottex per rimuovere il colore e il pennello sembra apparentemente pulito.

Però quando poi lo andiamo ad immergere in un altro colore vediamo che tende ad uscire il colore precedente.

Come facciamo allora a far scaricare del tutto un colore da un pennello?

Si può acquistare il brush cleaner, un prodotto indicato apposta per la pulizia dei pennelli.

Oppure semplicemente poniamo su di una superficie del gel trasparente oppure un top coat e lì strofiniamo il pennello in questione. Ovviamente si vedranno i vari colori uscire. Una volta che il top coat è sporco, asciughiamo il pennello e ripetiamo questi passaggi finché il top coat rimarrà trasparente.

Questi sono i primi trucchetti che ho deciso di proporvi, prossimamente uscirà anche la seconda parte.

Se l’articolo vi è piaciuto lasciate un like e condividete. Se avete qualche domanda o richiesta, non esitate a contattarmi.

Alla prossima!

SOFIA

Halloween Nail Art

Welcome to my blog again!

Today I will return to show you what I have achieved by following a certain theme.

Since Halloween is celebrated tomorrow, October 31st, I decided to try my hand at creating something that reminded me of this event.

Let’s start!

Total Black

If we think of this holiday, the first thing that comes to mind is black, night and even fear😫.

First of all I thought of painting a fingernail in black.

In my case I did a reconstruction with a rather long tip.

Obviously you can use any type of material to get this result: polish, gel polish or color gel.

Soon on my instagram there will also be a video of how I made this reconstruction.

I also posted a video on YouTube, where I show how ai created this.

Click here to watch.

Pumpkin

Another fundamental element of Halloween is the pumpkin lantern!

This time, instead of making an element on every single nail, I decided to make a series of pictures on three of them.

In the realization I used color gels.

First of all I realized the nuance of the background, from dark blue to light blue. After making the moon I then inserted all the black elements, then I drew the pumpkin and the windows.

To give a bit of dimension to the whole I made white reflections on the black drawings and added the stars.

Obviously it is not mandatory to do 3 nails together. If you want, you can only choose one element and only make one.

Ghost

Ghosts, skulls, terrifying monsters, what a fear ..

I’m joking!

Here is the ghost I made.

On the black base I made the body lightening the black a little, obtaining the dark gray. With white I made the face and finally with light gray the contours that define his figure well.

I hope you enjoyed these ideas!

As I said, both gel and polish and gel polish can be used.

This is what I did several years ago with gel polishes! Maybe I’ll give you some more ideas.

In conclusion, these are my nail art ideas.

Share it and let me like it if you liked this article and see you soon!

SOFIA

Nail art per Halloween!

Benvenuti nuovamente sul mio blog!

Oggi torno a mostrarvi ciò che ho realizzato seguendo un certo tema.

Siccome domani, 31 ottobre si festeggia Halloween, ho deciso di cimentarmi nella creazione di qualcosa che ricordasse questo evento. Iniziamo!

Total Black

Se pensiamo a questa festività, la prima cosa che ci viene in mente è il nero, la notte e anche la paura😫.

Come prima cosa ho quindi pensato di pitturare tutta di nero un’unghia.

Io nel mio caso ho realizzato una ricostruzione con tip, piuttosto lunga.

Ovviamente si può usare qualsiasi tipo di materiale per ottenere questo risultato: smalto, semipermanente oppure gel color.

Sul mio instagram potete trovare il video di come ho realizzato questa ricostruzione.

Ho anche deciso di pubblicarlo su YouTube e in generale di aprire un canale, in modo da raggiungere più persone possibili e mostrarvi ciò di cui parlo nei miei articoli.

Zucca

Altro elemento fondamentale di Halloween è la lanterna zucca!

Questa volta invece di realizzare su ogni singola unghia un elemento, ho deciso di fare una specie di quadro su tre di queste.

Nella realizzazione ho usato i gel color.

Per prima cosa ho realizzato la sfumatura dello sfondo, dal blu all’azzurro. Dopo aver fatto la luna ho poi inserito tutti gli elementi neri, in seguito ho disegnato la zucca e le finestre.

Per dare un po’ di dimensione al tutto ho fatto riflessi bianchi sui disegni neri e ho aggiunto le stelle.

Ovviamente non è obbligatorio fare 3 unghie assieme. Volendo si può scegliere un solo elemento e realizzare solo quello.

Fantasmino

Fantasmi, teschi, mostri terrificanti, che paura..

Scherzo!

Ecco qua il fantasma che ho realizzato.

Un fantasmino con faccia da teschio, piuttosto carino.

Sulla base nera ho realizzato il corpo schiarendo un po’ il nero, ottenendo il grigio scuro. Col bianco ho fatto la faccia e infine con il grigio chiaro i contorni che definiscono bene la sua figura.

Spero che queste idee vi siano piaciute!

Come dicevo si può utilizzare sia il gel, che smalto e semipermanente.

Questo è ciò che ho realizzato parecchi anni fa con i semipermanenti! Magari vi do qualche idea in più.

In conclusione, queste sono le mie idee di nail art. Condividete e lasciate un mi piace se questo articolo vi è piaciuto e alla prossima!

SOFIA

Nail art as Paintings

Welcome back to my blog!

Today I will show you the nail art I created inspired by pictorial styles and painters!

Let’s start.

Greek painting

One thing I thought could be done on the nails, were the motifs of the vases or of Greek painting.

On a white base, with a sock effect, I made these black weaves and patterns with a very thin brush.

Mondrian

Making a vast time gap, I decided to make Mondrian’s painting.

With his very precise and colorful paintings, it represented a turning point in the history of art.

His style is one of those that I really like, and despite the apparent ease of realization, it was a challenge for me.

Pollok

Another famous painter with his innovative technique of dripping was Pollok.

After creating a white base, I started to splash the nail with a brush.

As a material I used acrylic colors but very diluted. I tried by scruple to do it with color gels but their too thick consistency does not allow the realization of this technique.

When you do this make sure you don’t mess around😜.

Picasso

You say art you say Picasso.

One of the representatives of Cubism, has captivated us with his works broken down, but still reasoned.

I wanted to draw inspiration from his colors and his breakdown of perspectives.

Obviously with these nails I don’t want to pretend to copy them and put them on the same level, they are just tributes from a girl who loves to create and put herself to the test, especially on small surfaces like nails.

Keith Haring

If you hear the name, nothing will come to your mind, but as soon as you see his works you will immediately understand who I’m talking to.

His slightly cardboard style is suitable for making nails. On a white base I realized all the details with black and red.

In conclusion, these are the nail art that I wanted to offer combined with painting, I hope you enjoyed them and may have inspired you. If you liked this article, share it and leave a like, don’t forget to follow me on instagram.

See you soon!

SOFIA

Nail art come Quadri

Bentornati sul mio blog!

Oggi vi mostrerò le nail art che ho realizzato ispirandomi a stili pittorici e pittori!

Iniziamo.

Pittura greca

Una cosa che ho pensato si potesse realizzare sulle unghie, erano proprio i motivi dei vasi o comunque della pittura greca.

Su una base bianca, con effetto calza, ho realizzato con un pennello molto sottile questi intrecci e disegni neri.

Mondrian

Facendo un vasto salto temporale, ho deciso di realizzare la pittura di Mondrian.

Con i suoi quadri molto precisi e colorati, ha rappresentato una svolta nella storia dell’arte.

Il suo stile è uno di quelli che mi piace parecchio, e nonostante l’apparente facilità di realizzazione, è stata una sfida per me.

Pollok

Altro celeberrimo pittore con la sua tecnica innovativa del dripping è stato Pollok.

Dopo aver creato una base bianca, ho iniziato con un pennello a schizzare l’unghia.

Come materiale ho usato i colori acrilici però molto diluiti. Ho provato per scrupolo a farlo con i gel color ma la loro consistenza troppo densa non permette la realizzazione di questa tecnica.

Quando fate ciò assicuratevi di non sporcare in giro😜.

Picasso

Dici arte dici Picasso.

Uno dei rappresentanti del cubismo, ci ha ammaliato con le sue opere scomposte, ma pur sempre ragionate.

Ho voluto ispirarmi ai suoi colori e alla sua scomposizione di prospettive.

Ovviamente con queste unghie non voglio pretendere di copiarli e mettermi al loro stesso livello, sono solo degli omaggi da una ragazza che ama creare e mettersi alla prova, soprattutto su superfici piccole come le unghie.

Keith Haring

Magari sentendo il nome non vi verrà in mente nulla, ma appena vedrete le sue opere capirete subito di chi sto parlando.

Il suo stile un po’ cartonesco è adatto alla realizzazione sulle unghie. Su base bianca ho realizzato con il nero e il rosso tutti i dettagli.

In conclusione, queste sono le nail art che ho voluto proporvi abbinate alla pittura, spero vi siano piaciute e possano avervi ispirato. Se questo articolo vi è piaciuto condividete e lasciate un like, non dimenticatevi di seguirmi su instagram.

Alla prossima!

SOFIA

Dip Powder: Top or Flop?

Welcome back to my blog!
I know it’s been a long time since my last article, but between work and summer I decided to take a break.

So here I am back and today I am here to talk about another apparently innovative technique, which however hides things often unspoken.

Let’s start!

Dip powder method, what is it?

Like the acrygel combined with polyforms, the dip powder method has also spread widely on social media through advertisements, which showed an easy and fast method to have impeccable nails.

In practice we are talking about an acrylic powder that is used in a different way than usual. (Some brands work like a normal acrylic when combined with the monomer).

After applying the base, dip the finger in the powder, or dust it over, after which a product is used that serves to seal that layer and at the same time serves to be able to dip the nail again. (If the explanation is not very clear going to look on youtube there are several videos).

In this way the color and the hypothetical structure are obtained.

Finally an activator is used that hardens the acrylic powder, allowing the filing.
Because yes, this procedure is done on nails with tip previously applied, to seal the whole and create a structure, as well as the color.

Convenience?

This way it seems much more practical and faster than a nail form reconstruction, and you can do it at home by yourself.

But like polyforms, practicality approaches the incorrectness of the fundamental rules for a reconstruction.

As the dust is very thin, it is impossible to create a structure.
A reconstructed nail without a structure is bound to break.

Hygiene

We have often talked about how important hygiene and compliance with certain rules are to avoid nail diseases.

As I said before, this method involves dipping the nail in a jar containing the powder.

This speech I make refers to those who use this technique in salons. If I use the jar for personal purposes only, there is no problem.

You can understand that if a client has some sort of mycosis or bacterium, it will lodge in the powder jar, and the next client could be infected.

Then you could think about dusting the dust over the nail, not letting the dust fall back into the original jar.
For hygiene reasons, the dust must then be thrown away for each customer.

So returning to the previous discussion, is working in this way convenient?
In my opinion no.

Although it may appear faster and easier, the risks of breakage of the reconstruction and of possible infections from mycosis or bacteria are present.

Obviously in the commercials that run on social networks, all this is not explained, but to capture more attention it focuses on the speed and apparent convenience of the method.

Here we are at the end of the article, I hope you enjoyed it and clarified your ideas on the Dip Powder method.

Everything I say is about my personal opinion, nobody is forced to think like me.

If you liked it, leave a like and share.
Until next time!

SOFIA

Dip Powder: metodo funzionale o no?

Bentornati sul mio blog!
So che e passato parecchio tempo dal mio ultimo articolo, ma tra il lavoro e l’estate ho deciso di prendere una pausa.

Eccomi dunque ritornata e oggi sono qui per parlare di un’altra tecnica apparentemente innovativa, che però nasconde cose spesso non dette.
Iniziamo!

Metodo Dip powder, cos’è?

Cosi come l’acrygel accostato alle polyform, anche il metodo dip powder si è diffuso molto sui social attraverso le pubblicità, che mostravano un metodo facile e veloce per avere delle unghie impeccabili.

In pratica stiamo parlando di una polvere acrilica che viene utilizzata in modo diverso dal solito. (Alcune marche funzionano come un normale acrilico se abbinate al monomero).

Dopo aver applicato la base, si immerge il dito nella polvere, o la si spolvera al di sopra, dopo di che si usa un prodotto che serve a sigillare quello strato e allo stesso tempo serve per poter immergere nuovamente l’unghia. (Se non è molto chiara la spiegazione andando a cercare su youtube ci sono parecchi video).

Cosi facendo gradualmente si ottiene il colore e la ipotetica struttura.

Infine si utilizza un attivatore che fa indurire la polvere acrilica, consentendo la limatura.
Perché si, questo procedimento si fa su unghie con tip applicate precedentemente, per sigillare il tutto e creare una struttura, oltre che al colore.

Convenienza?

Detta così dunque sembra molto più pratico e veloce di una ricostruzione con cartina, e che si possa fare anche a casa da soli.

Però così come le polyform, la praticità si accosta alla scorrettezza delle regole fondamentali per una ricostruzione.

Essendo la polvere molto sottile, è impossibile creare una struttura.
Un’unghia ricostruita senza struttura è destinata a rompersi.

Igiene

Abbiamo parlato spesso di quanto sia importante l’igiene e il rispetto di certe regole per evitare malattie sulle unghie.

Come dicevo prima, questo metodo prevede l’immersione dell unghia in un barattolo contenente la polvere.

Questo discorso che faccio si riferisce a chi usa questa tecnica nei saloni. Se uso il barattolo solo per scopo personale non c’è problema.

Potete capire che se una cliente presenta qualche sorta di micosi o batterio, esso alloggerà nel barattolo di polvere, e la prossima cliente potrebbe essere contagiata.

Allora si potrebbe pensare appunto di spolverare la polvere sopra l’unghia, non facendo ricadere la polvere nel barattolo originale.
Per questioni igieniche quest ultima dovrà essere poi buttata per ogni cliente.

Ritornando quindi al discorso di prima, lavorare in questo modo conviene?
Secondo la mia opinione no.

Nonostante possa apparire più veloce e facile, i rischi di rotture della ricostruzione e di possibili contagi da funghi o batteri sono presenti.

Ovviamente negli spot che girano sui social, tutto ciò non viene spiegato, bensì per catturare più attenzione ci si focalizza sulla velocità e apparente convenienza del metodo.

Eccoci alla fine dell’articolo, spero che vi sia piaciuto e vi abbia chiarito le idee sul metodo Dip Powder.

Ogni cosa che dico riguarda la mia personale opinione, nessuno è costretto a pensarla come me.

Se vi è piaciuto lasciate un like e condividete.
Alla prossima!

SOFIA

Refill with me: From palm on the beach to French

Welcome back!

Today I want to offer you a new type of article!

I will show you the various steps of the refill with various photos.

Let’s start!

Before

This is the first of my nail: a reconstruction with tip, with a design created with gel colors.

This was the result, just created.

I kept it for 30 days, and then decided it was time for the refill.

Here’s how it looked.

Change Form

The first thing I chose to do was to shorten the nail and change its shape. I went from a square to a round one.

I ran it all with an 80 file.

Color Removal

The next step was to remove the color, lower the structure and eliminate any lifts. I also did this with an 80 file.

Nail preparation

After removing the old one, it’s time to prepare for the new product.

So I pushed and removed the cuticles, matted the new portion of nails and applied nail prep, primer and the base for the gel.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è photo_2019-08-04_19-44-14-e1564944293672.jpg

Cover

Since I want to create a deep french (if you want to know the details I invite you to read my last article), it’s time to apply the pink gel cover.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è photo_2019-08-04_19-45-22-e1564944432914.jpg

Filings

After curing and cleansing, I start giving a hint of structure and adjust the various volumes.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è photo_2019-08-04_19-48-03-e1564944578790.jpg

French colored

Following the line already created with the cover, I apply the color to create the french edge.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è photo_2019-08-04_19-50-32-e1564944920833.jpg

Glitter

In order not to make the french boring, I decide to apply glitter at will.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è photo_2019-08-04_19-50-37-e1564944946803.jpg

Clear builder

To seal the color and mix it with the cover, I make a layer of clear gel builder over the entire nail, and once cured, I finish filing it, to get the right structure.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è photo_2019-08-04_19-50-41-e1564944990884.jpg

Top Coat

Once all the steps have been completed, it is time to polish and seal the nail.

Once this step is done, Design can also be finished but if you follow me for a while you can imagine that sober things are not for me in fact ..

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è photo_2019-08-04_19-50-46-e1564945305377.jpg

Decorations

I also decided to apply some decorations, including a bead and some rhinestones.

Not happy, I also designed doodles with white.

After

And here is the final result.

Although my nails are all different, they are not bad between them, because they are all full of sparkle ✨😂.

That’s all, I hope you enjoyed this new type of article.

If you want to leave like it, share it and see you soon!

SOFIA

Refill con me: Da palma sulla spiaggia a French

Bentornati!

Oggi voglio proporvi un nuovo tipo di articolo!

Mostrerò con voi i vari passaggi del refill con varie foto.

Iniziamo!

Prima

Questo è il prima della mia unghia: una ricostruzione con tip, con disegno creato con colori in gel.

Questo era il risultato, appena creata.

L’ho tenuta per 30 giorni, e poi ho deciso che era ora del refill.

Ecco come appariva.

Cambio Forma

La prima cosa che ho scelto di fare è stata quella di accorciare l’unghia e cambiarle la forma. Sono passata da una quadrata ad una rotonda.

Ho eseguito il tutto con una lima 80.

Rimozione colore

Il prossimo passaggio è stato quello di rimuovere il colore, abbassare la struttura ed eliminare aventuali sollevamenti. Anche questo l’ho fatto con una lima 80.

Preparazione dell’unghia

Dopo aver rimosso il vecchio, è ora di preparare per il nuovo prodotto.

Quindi ho spinto ed eliminato le cuticole, opacizzato la nuova porzione di unghie ed applicato nail prep, primer e base gel.

Cover

Siccome voglio creare una french profonda (se volete conoscere i dettagli vi invito a leggere il mio ultimo articolo), è il momento di applicare il gel cover rosa.

Limatura

Dopo aver polimerizzato e sgrassato, inizio a dare un accenno di struttura e aggiusto i vari volumi.

French colorato

Seguendo la linea già creata con il cover, applico il colore per creare la lunetta della french.

Glitter

Per non rendere noiosa la french, decido di applicare dei glitter a piacimento.

Builder clear

Per sigillare il colore ed amalgamarlo con il cover, faccio uno strato di builder gel trasparente su tutta l’unghia, e una volta polimerizzato, finisco di limarlo, per ottenere la giusta struttura.

Lucido

Una volta conclusi tutti i passaggi è il momento di lucidare e sigillare l’unghia.

Una volta fatto questo passaggio il Design può anche essere concluso ma se mi seguite da un po’ potete immaginare che le cose sobrie non fanno per me infatti..

Decorazioni

Ho deciso di applicare anche delle decorazioni, tra cui una perlina e degli strass.

Non contenta ho disegnato anche dei ghirigori con il bianco.

Dopo

Ed ecco il risultato finale.

Nonostante le mie unghie siano tutte diverse, tra di loro non stanno male, perchè tutte piene di scintillio ✨😂.

Con questo è tutto, spero che questo nuovo tipo di articolo vi sia piaciuto.

Se volete lasciate un mi piace, condividete e alla prossima!

SOFIA

French Manicure: All types of a timeless classic

Welcome back!

Today I want to talk about the best known nail art: French Manicure.

I will illustrate the various typologies and I will explain in short the realization, let’s start!

French in Surface

This is the easiest to make and in the salons it is the most common one, for the speed of realization.

This typology can be realized both with polish, gel polish, gel and acrylic.

This is because you can draw it on a nude toned color or pink base, the white edge on the tip.

Easy to make, in the salons it is often made also for the convenience in the removal, since it is drawn on the surface.

Deep French

The Deep French is achievable in combination with a reconstruction.

After performing the stretch, proceed using a white gel or acrylic builder to create the edge.

All this before creating the apex, for this it takes the name of deep.

So once you have drawn the edge with white, you can proceed with the structure above, with a clear builder.

This type of French is recommended for those with a rather long nail bed by nature.

Deep and Reverse French

The procedure of this type is very similar to the previous one, but has variations.

Also this must be created below the structure and on a stretch in gel or acrylic.

In addition, you need to create what is called a “wall”, with a gel cover.

The gel cover is pink and you need to create the inverse of the white edge.

Once you have created this guideline, just place the white builder next to the pink one and you’re done.

This technique is used to create French on nail beds with color alterations, or on the most extreme and long forms.

Both this type and the previous one require more time and in the refill they will never be completely eliminated, because below the structure itself.

Speaking of french, we think of white to create the edge but of course we can choose the colors we prefer.

In the end the result should always be the same, without noticing the difference in technique used.

That’s all for today’s article, I hope I have clarified any doubts about the difference between the three techniques.

If you liked the article, share it and like it, see you soon!

SOFIA

French Manicure: Tutte le tipologie di un classico senza tempo

Bentornati!

Oggi voglio parlarvi della nail art e manicure più conosciuta: La French.

Illustrerò le varie tipologie e spiegherò in breve la realizzazione, iniziamo!

French Superficiale

Questa è la più facile da realizzare e nei saloni è quella più comune, per la velocità di realizzazione.

Questa tipologia si può realizzare sia con smalto, semipermanente, gel e acrilico.

Questo perchè basterà disegnare sopra una base color carne o rosa, la lunetta bianca in punta.

Facile da realizzare, nei saloni è realizzata spesso anche per la comodità nella rimozione, dato che è disegnata in superficie.

French Profonda

La French Profonda è realizzabile in abbinata ad una ricostruzione.

Dopo aver eseguito l’allungamento, si procede utilizzando un gel o acrilico builder bianco per creare la lunetta.

Tutto ciò prima di realizzare la bombatura, per questo prende il nome di profonda.

Quindi una volta disegnata la lunetta con il bianco, si può procedere con la struttura al di sopra, con un builder clear.

Questo tipo di French è consigliato a chi ha un letto ungueale piuttosto lungo di natura.

foto non mia

French Profonda e Inversa

Il procedimento di questa tipologia è molto simile a quella precedente, ma ha delle varianti.

Anche questa va creata al di sotto della bombatura e su di un allungamento in gel o acrilico.

In aggiunta bisogna creare quel che si chiama muretto, con un gel cover.

Il gel cover è rosa e bisogna creare l’inverso della lunetta bianca.

Una volta creata questa linea guida, basterà adagiare il builder bianco accanto a quello rosa e il gioco è fatto.

Questa tecnica è usata per creare french su letti ungueali con discromie, oppure sulle forme più estreme e lunghe.

foto non mia

Sia questo tipo che quello precedente richiedono tempi di realizzazione più lunghie e nel refill non verranno mai eliminati completamente, perchè al di sotto della struttura stessa.

Parlando di french, si pensa al bianco per reare la lunetta ma ovviamente ci si può sbizzarrire e scegliere i colori che più si preferiscono.

Alla fine il risultato dovrebbe essere sempre lo stesso, senza notare la differenza di tecnica usata.

Questo è tutto per l’articolo di oggi, spero di aver chiarito eventuali dubbi sulla differenza delle tre tecniche.

Se l’articolo vi è piaciuto, condividete e lasciate un like, alla prossima!

SOFIA

Glitter Applied in different ways on nails

Welcome back!

As promised today I bring the practical realization of what I wrote in the last article “How to apply glitter”

Let’s begin!

Glitter and Top Coat

In these first three nails I used the top coat and glitter method.

You can see how you can dose the quantity to create the desired effect.

It is also nice to experiment with color contrasts or even affinity.

Sugar effect

This is sugar effect.

I do not know if it can be perceived from the photo, but the nail is not sealed with any top coat, so as to make the grain of the glitter evident.


You can apply a color below similar to that of the glitters, or a white base to bring out the color of the glitter.

You can play with nuances and various effects.

Glass Effect

I made this nail on my hand, because I had to create this effect under the structure.

Glitter appears to be encapsulated and one can understand the depth they have.

They can be put in various colors and not just glitter, in fact I have also added ‘confetti’.

“Rain” glitter

It rained glitters, literally.😂

This effect is very beautiful because it enhances the glitter in all its fullness.

I don’t know, but I find it very satisfying to see the nails full of glitters✨.

This short article has come to an end

If you want to know how I made all this, I invite you to read my last article, today I showed the photos of that article.

If you liked this post, like it and share with anyone you want!

See you soon.

SOFIA

Glitter Applicati con vari metodi sulle unghie

Bentornati!

Come promesso oggi porto la realizzazione pratica di ciò che ho scritto nello scorso articolo Come applicare i glitter”.

Iniziamo!

Glitter e Top Coat

In queste prime tre unghie ho utilizzato il metodo top coat e brillantini.


Potete vedere come si può dosare la quantità per creare l’effetto desiderato.

È bello anche sperimentare con i contrasti di colori o anche affinità.

Effetto Zucchero

Questo è l’effetto zucchero.

Non so se dalla foto si possa percepire, però l’unghia non è sigillata con nessun top coat, in modo da rendere la grana del brillantino evidente.

Si può applicare un colore sotto simile a quello del brillantino, oppure una base bianca per far risaltare il colore del glitter
Si può giocare con le sfumature e vari effetti.

Effetto Sottovetro

Quest’unghia l’ho realizzata sulla mia mano, perché dovevo creare quest’effetto sotto la bombatura.

I brillantini sembrano incapsulati e si può capire la profondità che essi hanno.
Se ne possono mettere di vari colori e non solo brillantini, infatti io ho pure aggiunto dei ‘coriandoli’.

Glitter a “pioggia”

Ho fatto piovere glitter, letteralmente.😂

Questo effetto è molto bello perché esalta il glitter in tutta la sua pienezza.

Non so, ma trovo molto soddisfacente vedere le unghie piene di brillantini e sberluccicose✨✨.

Questo articolo breve è giunto al termine.

Se volete sapere come ho realizzato tutto cio, vi invito a leggere il mio ultimo articolo, oggi ho voluto solamente mostrarvi quanti effetti diversi si possono creare con una decorazione semplice come i glitter.

Se L’articolo vi è piaciuto, condividete pure e alla prossima!

SOFIA

How to apply Glitters

Welcome back!

Today I want to explain the various ways that exist to apply glitter on nails, giving various different effects.

In this article there will be no photos because I want to dedicate a special article to show the realization of what I will talk about today.

Let’s start!

Glitter and Top Coat

The first method I want to talk about is one of the simplest.

In practice you have to use a transparent top coat, put it on a plane where we can then take it again and add glitter, as you like.

This is a very comfortable trick because it allows us to create glittery color, without buying it.

Using this technique you can decide which and how many colors to use, but above all the amount of glitter we want.

If we wanted to get a glimpse of the color below, we put less glitter, but if we wanted to completely cover the nail, then it abounds with glitter.

Sugar effect

This is a very special effect because it highlights the glitter texture.

In fact, you can feel the roughness of glitters.

To achieve this effect you need to get a color without dispersion or a top coat without dispersion.

Start by applying the color without dispersion or the color at will and then the top coat and without polymerizing cover the nail with glitter.

After curing with a brush, remove the excess of glitters and you are done.

Glass Effect

This is another method of using glitter.

It consists of applying the glitter before creating the structure.

So after creating the lenght you desire, apply the glitter on the dispersion and then create the structure.

This is a nice effect because you can see the depth of the glitter.

“Rain” glitter

Forgive this pun, I didn’t know how else to explain it 😂.

In practice, after applying a color to our liking, drop the glitter with a rain-effect onto the nail, covering it completely.

Once cured, apply a top coat, preferably quite liquid, on top so that it penetrates well between the glitter particles. After this step you pass over the classic top coat.

This method allows you to have the beauty of glitter, but without perceiving its grain, unlike the sugar effect.

These are the main ways to apply glitter, I hope I have been helpful and in the Sunday article I will show you the various results you can get.

If you liked this article like it and share it. See you soon!

SOFIA

Come applicare i Glitter

Bentornati!

Oggi voglio spiegare i vari modi che esistono per applicare i glitter sulle unghie, dando vari effetti differenti.

In questo articolo non ci saranno foto perchè voglio dedicare un articolo apposito a mostrare la realizzazione di ciò di cui parlerò oggi.

Iniziamo!

Glitter e Top Coat

Il primo metodo di cui voglio parlarvi è uno dei più semplici.

In pratica bisogna utilizzare un top coat trasparente, metterlo su un piano in cui poi possiamo prelevarlo nuovamente e aggiungere i nostri glitter, a piacimento.

Questo è un trucco molto comodo perchè ci permette di creare il nostro colore glitterato,senza però acquistarlo.

Utilizzando questa tecnica si può decidere quali e quanti colori utilizzare, ma soprattutto la quantità di glitter che vogliamo.

Se volessimo far intravedere il colore al di sotto, si mettono meno glitter, se invece si volesse ricoprire completamente l’unghia, allora si abbonda con i glitter.

Effetto Zucchero

Questo è un effetto molto particolare perchè evidenzia la texture del glitter.

Infatti si potrà sentire il ruvido del brillantino.

Per realizzare questo effetto bisogna procurarsi un colore senza dispersione o un top coat sempre senza dispersione.

Si comincia applicando il colore senza dispersione oppure il colore a piacimento e in seguito il top e senza polimerizzare si ricopre l’unghia con i glitter.

Dopo aver polimerizzato con una spazzolina si rimuovono i glitter in eccesso ed è fatta.

Effetto Sottovetro

Questo è un altro metodo di utilizzo dei glitter.

Consiste nell’applicare i brillantini prima di creare la struttura.

Dunque dopo aver creato l’allungamento, si applicano i glitter sulla dispersione e in seguito si crea la struttura.

Questo è un bell’effetto perchè si percepisce la profondità dei glitter.

Glitter a “Pioggia”

Perdonate questo gioco di parole, non sapevo come altro spiegarlo 😂.

In pratica dopo aver applicato un colore a nostro piacimento, si fanno cadere i glitter a pioggia sull’unghia, ricoprendola completamente.

Una volta polimerizzato, si applica al di sopra un top coat, possibilmente piuttosto liquido, in modo che penetri bene tra le particelle dei glitter. Dopo questo passaggio si passa sopra il classico top coat.

Questo metodo permette di avere la bellezza dei brillantini, senza però percepirne la loro grana, a differenza dell’effetto zucchero.

Questi sono i modi principali di applicare i glitter, spero di esservi stata utile e nell’articolo di domenica vi mostrerò i vari risultati che si possono ottenere.

Se questo articolo vi è piaciuto mettete mi piace e condividete. Alla prossima!

SOFIA

Nail Art for every fabric

Welcome back!

Today I want to offer you new Nail Art, and this time I used various fabrics as inspiration.

Let’s start!

Pois

Let’s start with the simple and classic polka dot fabric.

Creating it is very simple. Simply lay out a color at will as a base and then perform the dots with order, and you’re done!

Tartan

Tartan is the typical Scottish fabric.

There are many variations, with red, green etc,

I chose to recreate the one on beige.

The fundamental point of this fabric is the straight lines and crosses, which create a beautiful harmony between them.

Lace

From simple things we move on to the elegance of lace.

Obviously, unless you use stencils, recreating the intricate and subtle stitching of the lace is a bit difficult.

However, doodles and arabesques can be made on a pink base, so as to bring out the black.

Pied de poule

Hen’s foot, for friends 😂.

This fabric plays on the contrast between black and white, to bring out the texture.

It is very simple to make, on the internet there are many tutorials, but also very effective.

Macramè

I will end with a fabric very similar to lace, macramé.

Its processing is very similar, but is generally light in color.

This fabric reminds me a lot of summer, due to its freshness and its light color.

We have come to the end.

I hope you enjoyed these ideas and if by chance you would like to see more, tell me that I will make them.

If you liked the article, like it and share it!

See you soon!

SOFIA

Nail Art per ogni tessuto

Bentornati!

Oggi voglio proporvi nuove Nail Art, e questa volta come ispirazione ho preso in considerazione vari tessuti.

Iniziamo!

Pois

Cominciamo con il semplice e classico tessuto a Pois.

Ricrearlo è molto semplice. Basta stendere un colore a piacimento come base e poi eseguire i puntini con ordine, e il gioco è fatto!

Tartan

Il tartan è il tipico tessuto scozzese.

Ne esistono molte varianti, con il rosso, il verde etc,

Io ho scelto di ricreare quello sul beige.

Il punto fondamentale di questo tessuto sono le linee dritte e gli incroci, che creano una bella armonia tra di loro.

Pizzo

Da cose più semplici passiamo all’eleganza del pizzo.

Ovviamente a meno che non si usino degli stampini, ricreare le intricate e sottili cuciture del pizzo risulta un po’ difficile.

Però si possono realizzare ghirigori e arabeschi su una base rosa, in modo da far risaltare il nero.

Pied de poule

Zampa di gallina, per gli amici 😂.

Questo tessuto gioca sul contrasto tra il nero e il bianco, in modo da far risaltare la trama.

Da realizzare è molto semplice, su internet si trovano molti tutorial, ma anche molto ad effetto.

Macramè

Concludo con un tessuto molto simile al pizzo, il macramè.

La sua lavorazione è molto simile, ma in genere è di colore chiaro.

Questo tessuto mi ricorda molto l’estate, per via della sua freschezza e del suo colore chiaro.

Siamo giunti alla fine.

Spero che queste idee vi siano piaciute e se per caso voleste vederne altre, ditemi pure che le realizzerò.

Se l’articolo vi è piaciuto lasciate un mi piace e condividete!

Alla prossima!

SOFIA

Difference between monophasic and triphasic gel

Welcome back!

Today I want to talk about gel, and in particular I want to explore the difference between monophasic and triphasic.

Let’s start!

Monophasic

The monophasic builder gel, is a product that as the name implies, is used to make the structure.

With monophasic we mean that this product has been designed to be able to enclose the 3 fundamental products for a correct reconstruction in a single “jar”: Base, Builder, Top Coat.

For the correct use of each step, please refer to the product technical data sheet.

These products are the most practical because with one you can do everything.

Triphasic

Like the monophasic, the Triphasic is a gel used to create the structure.

But unlike the first, it ONLY serves to create the structure.

You have to combine them with a base and a top coat.

Also for this product it is better to read the technical sheet, in order to guarantee a good use.

Which one do I choose?

Obviously the choice between monophasic or three-phase depends on the needs of the operator.

I personally recommend the triphasic.

In these months in which I practiced, using the monophasic I undoubtedly performed the work faster, but after 3 weeks I noticed, despite a careful preparation of the nail, some lifts.

This is due to the fact that a product designed to cover three roles does so, but less accurately.

With the use of triphasic instead, combined with the correct base and excellent preparation of the nail, the reconstructions lasts longer without lifting.

This is because it was designed only for a task, to be a builder gel.

As I have often said on my blog, each operator chooses the product she is best at, what I say is not law and I base everything on my personal experience and my studies.

I therefore hope to have eliminated the doubts about the difference between monophasic and triphasic, and if you would like to ask me something, go ahead, I will be available to answer you.

That said, if you liked the article, please share it, like it and see you soon!

SOFIA

Differenza tra monofasico e trifasico

Bentornati!

Oggi voglio parlare di gel, e in particolare voglio approfondire la differenza tra monofasico e trifasico.

Iniziamo!

Monofasico

Il gel costruttore monofasico, è un prodotto che come dice il nome, serve per fare la struttura.

Con monofasico si intende che questo prodotto è stato studiato per poter racchiudere in un unico “barattolo” i 3 prodotti fondamentali per una corretta ricostruzione: Base, Costruttore, Top Coat.

Per il corretto utilizzo di ogni step, bisogna fare riferimento alla scheda tecnica di prodotto.

Questi prodotti sono i più pratici perché con uno si può fare tutto.

Esempio di barattolo di gel monofasico

Trifasico

Come il monofasico, il Trifasico è un gel che serve per creare la struttura.

Però a differenza del primo, esso serve SOLO per creare la struttura e gli allungamenti.

Bisogna obbligatoriamente abbinarli ad una base e ad un top coat.

Anche per questo prodotto è meglio leggere la scheda tecnica, per poter garantire un buon utilizzo.

Quale Scegliere?

Ovviamente la scelta tra monofasico o trifasico dipende dalle esigenze dell’operatrice.

Io personalmente consiglio il trifasico.

In questi mesi in cui mi sono esercitata, usando il monofasico ho eseguito il lavoro indubbiamente più velocemente, ma dopo 3 settimane notavo, nonostante un’accurata preparazione dell’unghia, dei sollevamenti.

Questo è dovuto al fatto che un prodotto studiato per ricoprire tre ruoli, lo fa, ma meno accuratamente.

Con l’utilizzo del trifasico invece, abbinato alla corretta base e ad un’ottima preparazione dell’unghia, le ricostruzioni duravano maggiormente senza sollevamenti.

Questo perchè è stato studiato solo per un compito, quello di essere un gel costruttore.

Come ho spesso detto sul mio blog, ogni operatrice sceglie il prodotto con cui si trova meglio, ciò che dico io non è legge e baso tutto sulla mia esperienza personale e sui miei studi.

Spero dunque di aver eliminato i dubbi sulla differenza tra monofasico e trifasico, e se voleste chiedermi qualcosa, fate pure, sarò disponibile a rispondervi.

Detto ciò, se l’articolo vi è piaciuto condividete pure, mettete mi piace e al prossimo articolo!

SOFIA

Recreating my old designs

Welcome back to my blog!

In the article Who I Am I published some of my photos of old works created especially with Nail Polish.

Today I decided to show how I reinterpreted and created some of my old designs!

Let’s start!

Leopard

To create this Nail Art a while ago I was inspired by that ring in the picture.

I wanted to give a special touch to the neutrality of the leopard’s colors, so I made a sort of french, however, close to the cuticles.

I embellished it all with a gold glitter.

I made the recent version on a ballerina and the decorations were done with acrylic painting.

If you want you can watch the video where I create this nail art. I leave it HERE.

Drop

This nail art still reminds me of an ice cream or something that melts.

I chose two colors that I think together make a contrast that is harmonious at the same time.

This is the most recent version.

For both I used the same gel polishes.

French Leopard

Yes, once again leopard spots 😂.

Often I did that design because with a simple dotter it was easy to create.

In this old photo I had created a slightly asymmetrical French, with bright colors such as white and fluorescent yellow. In contrast I placed black spots.

For the revised version I made a reverse french, using a gel cover.

The colors are the same and the spots are made with acrylic paint.

Flowers

Sometimes I changed style and I was more delicate.

Here, as a base, there is a shade of green and blue that are the background of flowers and their leaves.

To avoid leaving the void, I made some simple blue dots.

In the recent version I made it all with colored gels, and the flowers are finished with more delicacy and I also applied white, in order to create a little “reflection”.

Blue Leopard

Let’s finish with another leopard design ahah.

This time, as a base, I created a shade of pink and pastel yellow.

I made the inside of the stain light blue to stand out on the lighter colors.

The new version I tried to make it better, making the spots finer and less round.

And that’s all, I hope you enjoyed my nails, if you want you can even make them yourself and if you’re interested, I’ll make others.

As always, if you want you can share and like this post.ù

On my instagram you can find the videos of Blue Leopard and Flowers.

See you soon!

SOFIA

Ricreo Vecchie Nail Art

Bentornati sul mio blog!

Nell’articolo Ciao Mi presento ho pubblicato alcune mie foto di vecchi lavori creati soprattutto con lo smalto.

Oggi ho deciso quindi di mostrare come ho reinterpretato e realizzato alcuni miei vecchi design!

Iniziamo!

Leopardo

Per creare questa Nail Art tempo fa ero stata ispirata proprio da quell’anello che è presente nella foto.

Ho voluto dare un tocco particolare alla neutralità dei colori del leopardo, quindi ho realizzato una sorta di french però vicino al girocuticole.

Ho impreziosito il tutto con un brillantino oro.

La versione recente la ho realizzata su una ballerina e i decori sono stati fatti con la pittura acrilica.

Se foste interessati alla realizzazione di quest’unghia, vi lascio qui il link al video.

Goccia

Questa nail art mi ricorda tutt’ora un gelato o comunque un qualcosa che si scioglie.

Ho scelto due colori che penso assieme facciano un contrasto che allo stesso tempo è armonioso.

Questa è la versione più recente.

Per entrambi ho usato gli stessi colori di semipermanente.

French Leopardo

Si, ancora una volta macchie leopardate 😂.

Spesso facevo quel design perchè con un semplice dotter era facile da creare.

In questa vecchia foto avevo realizzato un french un po’ assimmetrico, con colori luminosi quali il bianco e il giallo fluo. In contrasto ho apposto macchie nere.

Per la versione rivisitata ho realizzato una french inversa, usando un gel cover.

I colori sono gli stessi e le macchie le ho fatte con la pittura acrilica.

Prato Fiorito

A volte cambiavo stile e stavo sul più delicato.

Qui come base c’è una sfumatura di verde e azzurro che fanno da sfondo a dei fiori e le loro foglie.

Per evitare di lasciare il vuoto, ho realizzato dei semplici puntini blu.

Nella versione recente ho realizzato il tutto con i gel colorati, e i fiori li ho rifiniti con più delicatezza e ho apposto anche del bianco, in modo da creare un po’ di “riflesso”.

Leopardo Blu

Concludiamo con.. un altro design a leopardo ahah.

Questa volta come base avevo creato una sfumatura tra il rosa e il giallo pastello.

Il dentro della macchia l’ho fatto blu/azzurro per risaltare sui colori più chiari.

La versione nuova ho cercato di renderla migliore, facendo le macchie più fini e meno tonde.

E con questo è tutto, spero vi siano piaciute le mie unghie, se volete potete anche realizzarle a vostra volta e se vi interessa, ne realizzerò altri.

Prossimamente sul mio instagram pubblicherò un video dove mostro la realizzazione di Leopardo Blu e Prato Fiorito, seguitemi per non perderlo!

Come sempre se avete voglia condividete e lasciate un mi piace e alla prossima!

SOFIA

Compatibility between lamps and products

Welcome back!

Today I want to talk to you about a very important topic, namely the choice of the lamp to use with the products used and therefore their compatibility.

Let’s start.

Lamp type

There are two types of lamps, UV and LED.

However, this differentiation is wrong because both produce UV rays which are used to polymerize the product.

A type has bulbs that produce light .

Using these lamps, curing times are longer, from 2 minutes up.

Generally, even in salons, they are out of use, given the slow rate of polymerization.

A very important thing is the good maintenance of the lamp. When you see that the bulbs start to burn out, you need to replace them, to always ensure proper polymerization.

There is another type, the most common recently, that instead of bulbs, has LED diodes that emit uv rays.

These lamps are more versatile because they are more compact and curing times are much shorter.

Generally it starts from 30 seconds up.

Many of these also feature the “soft” function, which is used to polymerize the products more slowly, with a gradual increase in brightness, so that the burning sensation on the nails is not perceived.

Lamp / Product Compatibility

Faced with this choice we can ask ourselves which lamp to choose.

My advice is to buy the lamp of the brand whose products you use.

The products have been created so that they polymerize under certain frequencies of lights, UV rays etc.

The brands make various types of lamps available, in order to meet the needs of the various nail techs, but they work well together with the products.

Taking a practical example, if I use the products of Passione Unghie it would be better to use the lamp they sell and not that of Crystal Nails.

Obviously if you use a different lamp it is not that the product does not dry or become hard.

So why should we stick to this rule?

Correct Curing

It is important to perform a correct polymerization of the product, for various reasons.

First of all, for the right polymerization it is necessary to keep the bulbs / diodes of the lamps in good condition. Then the hand must be inserted well and straight, so that the rays reach the entire surface of the nails. The thumb always goes alone. Finally the curing times must be respected, which are reported on the product’s technical sheet.

If these rules are not respected or if you use good products with a lamp bought for 5 euros at the market, you could run into problems.

It should be noted that the products used on the nails are highly allergenic, so contact with the skin should be avoided. However, allergies can also develop through dust.

If a product is not well polymerized, but it is still rigid enough to be filed, it is much more likely to cause allergies.

I don’t want to scare you, but to make you understand that by respecting these few and simple rules you can avoid creating a problem for yourself or for others.

Of course it is very important to use a dust mask.

This is a speech made for those who want to become a professional person, who cares about their own health but also that of their customers.

Having said that, I hope you enjoyed this article and made you more aware of the importance of having the right lamp for the products.

If you enjoyed share this article and see you soon!

SOFIA

Compatibilità tra lampade e prodotti

Bentornati!

Oggi voglio parlarvi di un argomento molto importante, ovvero la scelta della lampada da usare rispetto ai prodotti usati e quindi la loro compatibilità.

Iniziamo.

Tipo di lampada

Esistono due tipi di lampade, quelle UV e quelle LED.

Questa differenziazione però è errata perché entrambe producono raggi UV che servono a polimerizzare il prodotto.

Un tipo presenta dei bulbi che producono la luce.

Utilizzando queste lampade, i tempi di polimerizzazione sono più lunghi, dai 2 minuti in su.

Generalmente, anche nei saloni sono in disuso, data la lentezza della polimerizzazione.

Una cosa molto importante è la buona manutenzione della lampada. Quando si vede che i bulbi iniziano a fulminarsi, occorre sostituirli, per garantire sempre una corretta polimerizzazione.

C’è un altro tipo, il più comune recentemente, che invece dei bulbi, presenta dei diodi led che emettono raggi uv.

Queste lampade sono più versatili perchè più compatte e i tempi di polimerizzazione si accorciano di molto.

In genere si parte dai 30 secondi in su.

Molte di queste presentano anche la funzione “soft”, che serve per polimerizzare i prodotti più lentamente, con un aumento graduale di luminosità, in modo che non si percepisca la sensazione di bruciore sulle unghie.

Compatibilità Lampada / Prodotto

Davanti a questa scelta ci si può chiedere che lampada bisogna scegliere.

Il mio consiglio è quello di acquistare la lampada del brand di cui usate i prodotti.

I prodotti sono stati creati in modo che si polimerizzino sotto certe frequenze di luci, raggi uv etc.

I brand mettono a disposizione varie tipologie di lampade, in modo da rispettare le esigenze delle varie operatrici, che però vanno bene in abbinata ai prodotti.

Facendo un esempio pratico, se utilizzo i prodotti di Passione Unghie sarebbe meglio usare la lampada che vendono loro e non quella di Crystal Nails.

Ovviamente se si utilizza una lampada diversa non è che il prodotto non si asciughi o non diventi duro.

Allora perché dovremmo attenerci a questa regola?

Corretta Polimerizzazione

É importante eseguire una corretta polimerizzazione del prodotto, per vari motivi.

Innanzitutto per giusta polimerizzazione occorre mantenere in buono stato i bulbi / diodi delle lampade. Poi la mano deve essere inserita bene e dritta, in modo che i raggi raggiungano tutta la superficie delle unghie. Il pollice va sempre da solo. Infine devono essere rispettati i tempi di catalizzazione, che vengono riportati sulla scheda tecnica del prodotto.

Se non vengono rispettate queste regole oppure si usano dei buoni prodotti con una lampada comprata a 5 euro al mercato, si potrebbe incorrere in problemi.

Bisogna sapere che i prodotti che si utilizzano sulle unghie sono fortemente allergizzanti, dunque bisognerebbe evitare il contatto con la pelle. Le allergie però si possono sviluppare anche tramite la polvere.

Se un prodotto non è ben polimerizzato, ma comunque risulta abbastanza rigido da poter essere limato, è molto più probabile recare allergie.

Non voglio spaventarvi, bensì farvi capire che rispettando queste poche e semplici regole si può evitare di creare un problema a noi stessi o agli altri.

Molto importante ovviamente è l’uso della mascherina antipolvere.

Questo è un discorso fatto per chi vuole diventare una persona professionale, che si preoccupa della propria salute ma anche di quella delle clienti.

Detto ciò spero che questo articolo vi sia piaciuto e vi abbia reso più consci sull’importanza dell’avere la lampada giusta per i prodotti.

Se vi è piaciuto condividete e alla prossima!

SOFIA